Nel mio paese nessuno è straniero: torna il festival Abbracciamondo

Dopo un anno di stallo, torna il Festival Abbraciamondo, dedicato all’intercultura e all’incontro di realtà diverse, ognuna unica e irrepetibile.
Il Festival è stato inaugurato venerdì 11 giugno con la Sfilata di moda Etica e la presentazione della collezione Mafric, promosso da Associazione Tapioca, Coop. Azzurra, Biodistretto di Vallecamonica, Coop. K.Pax con il patrocinio del Comune di Darfo.

Il prossimo appuntamento è previsto per domenica 20 giugno a Breno dove, in occasione della Giornata Internazionale del Rifugiato, si terrà un incontro con l’autore e ricercatore universitario Gabriele Proglio per poi proseguire con lo spettacolo “E siamo partiti, canzoni popolari e cantautori italiani insieme alle storie della migrazione in Italia dai primi del ‘900 ai nostri giorni”, a cura di Isaia Mori e Valentina Pescara.

Abbracciamondo coniuga storie e sprazzi di vite e culture diverse, di passato e presente, vicino e lontano. Il festival farà poi tappa a Malegno dove, il 10 luglio nella Piazzetta Padre Casari, avrà luogo il Reading teatrale e musicale “Canti ribelli”, a cura di Giorgio Consoli.

A settembre, invece, al Musil di Cedegolo si approfondirà la condizione dei migranti in transito lungo la rotta balcanica, in collaborazione con Rivolti ai Balcani, Anpi Vallecamonica, Musil e Comune di Cedegolo. Sabato 11 settembre, a Malegno, arriverà Abdul Abderrhaim con Teatro dappertutto.

Una rassegna ricca e stimolante, che finalmente può tornare in presenza dopo l’edizione ridotta online dello scorso anno. Un piccolo ritorno alla normalità, agli occhi che si incrociano e le chiacchiere a fine serata. Un Festival che fa riflettere, incrociando culture e situazioni totalmente differenti.

Maria Ducoli

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Dalla Regione 100 milioni per le liste d’attesa

La Giunta della Regione Lombardia ha deliberato uno stanziamento di 100 milioni di euro per il contenimento delle liste d’attesa su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti.