Nei guai due veterinari bresciani

Lo scorso 13 febbraio due medici veterinari sono stati condannati dal Tribunale di Brescia, il primo a un anno e sei mesi, mentre il secondo a due anni, con le accuse di aver attestato controlli su animali mai realmente effettuati.

Uno dei due è stato condannato anche per aver minacciato un collega dell’ATS di Brescia, mentre l’altro per maltrattamenti sugli animali. Verso i due sono stati avviati anche procedimenti disciplinari per reati avvenuti nel macello Italcarni di Ghedi e in un allevamento di cani a Isorella. Il provvedimento, avviato dall’ordine dei veterinari di Brescia, potrà avere conseguenze più o meno gravi, che vanno dalla sospensione alla radiazione. La Lav (Lega anti vivisezione), informata dallo stesso ordine, in un comunicato spiega: “Il procedimento disciplinare dovrà appurare se i due veterinari, sulla base delle sentenze del tribunale, sono “colpevoli di abusi nell’esercizio della professione” e se con la loro condotta hanno compromesso gravemente la loro reputazione e la dignità della classe sanitaria”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Incidente a Onore, muore un 84enne

Tragico incidente stradale mercoledì 1 dicembre a Onore, sulla strada provinciale in località Ombregno. Vittima un uomo di 84 anni , Giovanni Migliorati, che viaggiava