Broletto Brescia.jpg

Nei guai agenzia di pratiche automobilistiche di Provaglio

La procura di Brescia, attraverso il magistrato Mauro Leo Tenaglia, si è mossa dopo aver ricevuto decine di denunce sull’operato dell’Agenzia di pratiche automobilistiche Gima Srl di Provaglio d’Iseo su una possibile truffa nella riscossione dei bollo auto.

Dopo la denuncia fatta nella popolare trasmissione delle “Iene” del 7 novembre scorso, il titolare dell’agenzia incriminata ha deciso di rivolgersi all’autorità giudiziaria per tutelare la propria immagine e quella dei clienti. Quindi, attende che siano le indagini a decifrare l’intero quadro. L’agenzia sarebbe accusata di aver incassato le quote dei bolli auto, restituendo ai clienti tagliandi di carta straccia. Infatti, regione Lombardia ha sollecitato agli stessi ignari automobilisti il pagamento dei bolli che sarebbero già stati saldati all’agenzia. Tuttavia, la “Gima Srl” non rischia solo da questo punto di vista, ma anche di non poter svolgere più il servizio. Infatti, il presidente della Provincia Pier Luigi Mottinelli ha sottolineato di aver affidato a un delegato le misure da prendere. L’agenzia, come tutte le altre presenti nel bresciano e che si occupano di pratiche automobilistiche, ha un’autorizzazione da parte della Motorizzazione civile legata proprio alla Provincia. Nei prossimi giorni saranno quindi svolti dei controlli sull’attività dell’agenzia di Provaglio che rischia di vedersi sospesa, se non revocata, la licenza di continuare a operare.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare