Morto don Resmini, cappellano del carcere di Bergamo

Don Fausto Resmini, uno dei sacerdoti più noti della Bergamasca, è morto la scorsa notte all’ospedale di Como, dove era ricoverato in terapia intensiva per il coronavirus. Aveva 67 anni.

Don Resmini ha fondato la Comunità ‘Don Milani’ di Sorisole che si occupa dell’accoglienza degli ultimi. Era anche il cappellano del carcere di via Gleno a Bergamo. Con il suo camper del servizio ‘Esodo’ per anni ha dato un pasto caldo in stazione nella notte a chi era ai margini, agli ‘invisibili’ di Bergamo. Don Fausto Resmini era nato a Lurano, poi si era formato al Patronato San Vincenzo sotto l’ala di don Bepo Vavassori, ereditandone lo spirito di accoglienza e di attenzione verso i più deboli. Ha fondato la Comunità don Milani di Sorisole, per il recupero di minori ‘difficili’ e che è diventata punto di riferimento di tutto il nord Italia.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli