gdf

Merce non sicura: la GDF sequestra 320mila paia di calze

L’attività di controllo posta in essere dalla fiamme gialle di Desenzano del Garda ha permesso di individuare un “distributore” di merce non sicura per gli acquirenti. Nei primi giorni di agosto, i militari durante l’ordinaria attività di controllo, individuavano e certificavano la mancata emissione di uno scontrino fiscale da parte di un venditore ambulante. La conseguente attività ispettiva e l’approfondimento rivolto alla qualità e alla provenienza della merce, permetteva di appurare che sulle etichette degli accessori di abbigliamento (in prevalenza calze e calzini) posti in vendita dal commerciante non erano riportate le previste indicazioni attinenti alla normativa a tutela del consumatore. Pertanto, dopo aver analizzato specificatamente i documenti sulla provenienza e fornitura dei prodotti, i militari procedevano ad estendere specifici accertamenti presso una società di Mazzano (Bs) indicata come luogo di distribuzione della merce. Il servizio posto in essere, in quella sede, faceva riscontrare come gli accessori di abbigliamento fossero privi dei requisiti e delle indicazioni obbligatorie per legge (provenienza, tipologia di prodotto, materiali impiegati, istruzioni, precauzioni e destinazioni d’uso) dirette a garantire la corretta e completa informazione sui beni riconoscibili in prodotti sicuri. I finanzieri sottoponevano a sequestro oltre 323.000 accessori di abbigliamento e oltre 140.000 etichette, pronti per essere immessi in commercio. Il rappresentante della società (M.P. cinquantenne di Mazzano) è stato segnalato alla Camera di Commercio di Brescia. Per lui la multa sarà salatissima, fino a 25mila Euro.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli