medicina di montagna

Medicina di montagna tra presente e futuro

“Medicina di montagna tra presente e futuro” è il titolo della serie di convegni scientifici in programma a Pavia dal 26 marzo al 7 maggio 2018, coordinati dal prof. Stefano Perlini, dal prof. Giovanni Ricevuti e dal dott. Alessandro Tomasi. Gli incontri si svolgeranno presso l’Aula Goldoniana in Piazza Ghisleri, 5.

LUNEDÌ 26 MARZO
L’ambulatorio di medicina di montagna ed il progetto Rés@mont
Dott. GUIDO GIARDINI (Direttore SC di Neurologia e Stroke Unit e Centro di Medicina e Neurologia di Montagna Ospedale Regionale di Aosta, Presidente Fondazione Montagna Sicura di Courmayeur)

MARTEDÌ 3 APRILE
Innovazione tecnologica nel soccorso alpino
Dott. MARIO MILANI (Ospedale A. Manzoni, Lecco. Direttore Scuola Nazionale Medici del Soccorso Alpino e Speleologico. Delegato ICAR-MEDCOM)

GIOVEDÌ 12 APRILE
La formazione accademica nella medicina di emergenza in montagna e nella medicina di spedizione
Dott. LUIGI FESTI (Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedale di Circolo Varese. Direttore dell’International Master Course in Mountain Emergency Medicine e dell’International Master Course in Mountain Expedition Medicine. Presidente della commissione medica centrale del Club Alpino Italiano)

LUNEDÌ 16 APRILE
“Disseppellire” un approccio evidence-based nella medicina degli ambienti estremi: dalle linee guida ILCOR a terraXcube
Dott. GIACOMO STRAPAZZON
(Vicedirettore dell’Istituto per la Medicina d’Emergenza in Montagna di Eurac Research. Membro della Scuola Nazionale Medici del Soccorso Alpino e Speleologico. Delegato ICAR- MEDCOM)

LUNEDÌ 7 MAGGIO
La sfida del soccorso in ambiente impervio nelle mass casualties, l’esperienza acquisita dopo l’Aquila, Amatrice e Rigopiano
Dott. GIANLUCA FACCHETTI (Presidio Ospedaliero Villa Letizia. Istruttore Scuola Nazionale Medici del Soccorso Alpino e Speleologico, Direttore del corso di ricerca e stabilizzazione del travolto da valanga)

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare