“Medici senza frontiere” negli ospedali del Lodigiano

È un momento molto difficile per l’Italia: per questo è stato offerto anche l’aiuto dei medici dell’organizzazione alle autorità sanitarie italiane impegnate nella risposta al coronavirus. Sono partite oggi le prime attività negli ospedali di Lodi, Codogno, Casalpusterlengo e Sant’Angelo Lodigiano, epicentro dell’epidemia di Covid-19.

I Medici supporteranno le équipe di infettivologi nelle attività di gestione dell’epidemia e grazie all’arrivo dei nostri medici verranno riattivati una ventina di posti letto attualmente inutilizzati per carenza di personale rispetto all’enorme afflusso di pazienti. In un’epidemia come questa interrompere la trasmissione del virus è cruciale, negli ospedali, ma anche fuori. Ognuno deve rispettare le indicazioni del Ministero della Salute per frenare il contagio e non gravare ulteriormente sugli ospedali, che devono continuare a curare tutti, per ogni tipo di patologia. 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Nasce il Monopoly in Versione Bergamo

Il Comune di Bergamo ha annunciato attraverso la propria pagina Facebook una collaborazione con il gioco in scatola più famoso del mondo. “Abbiamo concesso l’utilizzo