Cerca
Close this search box.
Operazione delle Forze dell'Ordine: custodia cautelare e sequestri per traffico di droga da 22 milioni di Euro

Maxi operazione della Guardia di Finanza contro il traffico di droga.

All’alba di ieri i finanzieri del Comando Provinciale di Pisa, con l’ausilio di militari dei Comandi Provinciali di Brescia, Bergamo e del Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata hanno arrestato nelle province di Brescia, Bergamo, Bolzano e Trento 15 soggetti implicati nel commercio di un’ingente quantità di stupefacenti..  La Polizia Economico-Finanziaria avrebbe individuato un gruppo di malviventi responsabile dei reati di associazione a delinquere finalizzata alla produzione, detenzione e traffico illecito di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente  importata dal Marocco e dalla Spagna per poi essere distribuiti in Italia. A loro viene contestata l’illecita importazione di hashish per un totale di circa 1.300 chili che sul mercato avrebbe fruttato circa 4 milioni e mezzo di euro Gli accertamenti avrebbero consentito di individuare l’esistenza di una stabile struttura gestita da una famiglia di origini marocchine, che sarebbe riuscita ad importare ingenti quantitativi di hashish acquistati in Marocco. L’organizzazione criminale composta da 18 soggetti tra marocchini, afgani, spagnoli, senegalesi ed italiani, si sarebbe avvalsa di una solida base operativa in bergamasca, tra Dalmine, Stezzano e Osio Sotto, dove una cascina adibita alla produzione di formaggi era divenuta luogo di stoccaggio della droga

Condividi:

Ultimi Articoli

Inaugurata la ciclovia Bergamo – Brescia

Inaugurata oggi pomeriggio, 13 aprile, la ciclovia Bergamo-Brescia: 76 chilometri attraverso 28 comuni delle due province.  Si tratta di un’opera molto attesa soprattutto dagli appassionati

ambulanza montagna.jpg

Investito dalla sua auto muore un 73enne

Investito dalla sua auto, un 73enne di Vertova, Francesco Zucclini, meglio conosciuto come Franco, ex muratore e camionista in pensione,  ha riportato ferite gravissime che