Carabinieri notte

Matteo Simonetti stava fuggendo dal controllo dei CC

Stanno prendendo forma i contorni della tragedia avvenuta poco dopo le 5 di questa domenica 9 febbraio a Rogno dove ha perso la vita Matteo Simonetti, 27enne di Capo di Ponte e sono rimasti feriti altri tre ragazzi: un 18enne, ricoverato al Civile a Brescia in prognosi riservata , oltre ad un 20enne ed un 21enne ricoverati a Esine, entrambi fuori pericolo.

Pare che i quattro giovani, all’uscita di una discoteca della zona industriale di Rogno in via Nazionale, a bordo dell’Alfa Mito nera condotta da Matteo Simonetti, fossero diretti verso Corna di Darfo per prendere la statale 42 e tornare a casa. In zona c’era una pattuglia di Carabinieri che controllava proprio le auto provenienti dalla zona della movida: a quel punto Matteo Simonetti ha deciso di fare inversione di marci a tornare verso Rogno dove, all’imbocco dell’ampia curva che immette nello stretto rettilineo del centro, ha sbandato contro il guardrail, ha colpito un paracarro in granito che ha fatto decollare l’auto che ha colpito in pieno un alto palo della luce in ferro e quindi è piombata al centro dell’asfalto a ruote all’aria. Matteo Simonetti sarebbe morto sul colpo: i soccorritori non hanno potuto fare nulla per salvarlo. Grave il 18enne che sedeva al suo fianco, trasferito in codice rosso, con un importante trauma cranico, al Civile di Brescia. Meno gravi gli altri due giovani di 20 e 21 anni, ricoverati a Esine. Pare che Simonetti abbia deciso la manovra per dribblare i carabinieri: negli ultimi anni, infatti, si era visto ritirare la patente un paio di volte. Forse temendo le analisi dell’etilometro o altro, ha deciso di fuggire in direzione opposta. Sulle tracce della Mito si sarebbero mossi i carabinieri del posto di controllo, arrivando sul luogo dell’incidente che era accaduto qualche istante prima. Sono stati loro a lanciare l’allarme al 112 che ha fatto convergere sul posto le ambulanze da terra, l’elicottero del 118 da Brescia, i Vigili del Fuoco di Lovere, due pattuglie della Polizia stradale di Bergamo ed altre 4 pattuglie di carabinieri in rinforzo da Breno, Costa Volpino e Clusone. La salma di Matteo Simonetit si trova al Papa Giovanni di Bergamo a disposizione dell’Autorità giudiziaria: l’autopsia dovrà stabilire se il ragazzo avesse ingerito alcol o altre sostanze e quindi dovrebbe aiutare a capire al causa del suo gesto.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli