Marone riottiene la gestione “in house” dell’acqua

Il TAR di Brescia ha accolto il ricorso dell’amministrazione comunale di Marone, che aveva chiesto di potere riottenere la libera gestione delle risorse idriche territoriali: ora la “palla” passa ancora in mano all’Ambito Territoriale , che dovrà presentare le proprie ragioni alla Camera di Consiglio del Tribunale entro la fine di Novembre. Nel maggio scorso l’ATO – che spinge per il “Gestore Unico” delle risorse idriche in ambito provinciale – aveva ritenuto improponibile la richiesta dell’amministrazione di continuare a gestire in forma autonoma (o “in house”) il ciclo idrico integrato delle acque, attraverso la società partecipata Sebino Servizi. Il TAR, dopo avere attentamente analizzato la questione, ha “congelato” la decisione dell’ATO e ha ridato provvisoriamente pieno potere al comune. La questione farà giurisprudenza: Marone è il primo comune bresciano ad avere riottenuto di gestire in proprio acquedotti e sorgive. Ora anche altri comuni (in Vallecamonica sono diversi) possono tornare a sperare. Entro la fine di dicembre, la diatriba potrà avere finalmente una soluzione definitiva.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare