Malattie cutanee virali

Le malattie virali della pelle comprendono principalmente le dermatiti da Herpes virus e le verruche. Esistono 2 tipi di herpes virus: l’herpes simplex e l’herpes zoster, gli herpes simplex sono 2 l’herpes genitalis e l’herpes labialis.

Considerato che stiamo parlando di patologie cutanee ci occuperemo solo dell’herpes labialis. Si tratta di un virus che determina la comparsa di vescicole sulle labbra, in gergo viene definita anche “febbre di notte” (in gergo dialettale “feer de not”). Le vescicole sono dolorose ,piccole come una capocchia di spillo e riunite in grappoli più o meno estesi. Solitamente il virus penetra nell’organismo in età pediatrica provocando come prima manifestazione una gengivostomatite erpetica, cioè una infiammazione delle gengive e della mucosa orale con comparsa di vescicole e ulcerazioni dolorose che spesso impediscono anche una corretta alimentazione del piccolo paziente. Successivamente il virus rimane latente nell’organismo e in seguito a fattori scatenanti può provocare appunto l’herpes labialis. Fattori scatenanti possono essere : bruschi sbalzi di temperatura, esposizione prolungata e non protetta ai raggi solari, malattie febbrili, periodi prolungati di stress, improvvisi sbalzi ormonali e alimentazione scorretta. Le vescicole contengono un liquido al cui interno si trova il virus per cui in questa fase si può trasmettere per contatto diretto. La terapia consiste nell’uso di creme a base di antivirali come aciclovir o penciclovir, la crema va applicata all’insorgere dei primi sintomi e va applicata molte volte al giorno. Nelle forme recidivanti e particolarmente estese i farmaci anti virali andranno somministrati anche per via orale. Altra malattia cutanea virale è quella provocata dall’herpes zoster, responsabile del cosiddetto “fuoco di S.Antonio” il nome deriva dal fatto che un tempo per la guarigione di questa malattia veniva invocato l’intervento di S.Antonio abate. L’herpes zoster è il virus della Varicella, malattia febbrile caratterizzata dalla comparsa di vescicole diffuse a tutto il corpo ed anche alle mucose, che solitamente compare in età pediatrica. Dopo la guarigione della varicella, il virus rimane nell’organismo tutta la vita e si va a posizionare nei gangli nervosi. Se si verifica un calo delle difese immunitarie il virus si riattiva e provoca allora il Fuoco di S.Antonio che consiste nella comparsa di numerose vescicole lungo il decorso di un nervo. Può essere colpito qualsiasi nervo e i problemi più gravi si hanno quando viene colpita la branca oftalmica del trigemino, perchè in questi casi viene interessato l’occhio e possono residuare danni permanenti alla vista. Il sintomo principale è il dolore urente che spesso può precedere la comparsa delle vescicole ed in alcuni casi, soprattutto se non viene iniziata prontamente una adeguata terapia, può permanere per mesi o addirittura anni (nevralgia post erpetica). Può anche accadere che l’herpes zoster si manifesti senza vescicole ma solo con la comparsa di dolore e bruciore lungo il decorso di un nervo (herpes sine herpes). La terapia si basa sulla disinfezione locale per prevenire sovrapposizioni batteriche e sulla somministrazione per via orale di farmaci specifici anti virali. Altra affezione cutanea virale è la verruca, provocata dal papilloma virus. Il contagio avviene per contatto diretto soprattutto in locali quali docce, palestre e piscine dove il clima caldo umido favorisce la sopravvivenza del virus che altrimenti, in assenza di questi fattori favorenti, resiste pochi minuti all’esterno dell’organismo. Vengono interessate soprattutto le mani, le piante dei piedi, i gomiti e le ginocchia. Per quanto riguarda la terapia può essere efficace l’applicazione di prodotti a base di acido salicilico che corrodono la verruca. esistono vari prodotti sotto forma di liquidi, gel o cerottini del diametro da 6 a 12 mm. Altre volte è necessario recarsi dal dermatologo per la asportazione tramite congelamento con azoto liquido. In farmacia si possono trovare anche delle bombolette contenenti azoto liquido che può essere quindi applicato anche a domicilio.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare