colletta alimentare

Lotta allo spreco alimentare, Lombardia -30% entro il 2025

Lotta allo spreco alimentare. “La Giunta è impegnata a contrastare lo spreco alimentare: puntiamo con varie azioni a farlo ridurre in Lombardia del 30% entro il 2025 e a dimezzarlo entro il 2030”. A dirlo è Stefano Bolognini, assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e Disabilità, in vista della 23esima Giornata nazionale della colletta alimentare, in programma sabato 30 novembre. Un’iniziativa che ben si inquadra nella strategia di lotta verso ogni forma di povertà, messa a punto dalla Regione, per cui Bolognini anticipa, a breve, “l’assegnazione agli ambiti territoriali di 32 milioni di euro del Piano povertà, per supportare le famiglie fragili e in difficoltà. In particolare, quelle con bambini nell’età dell’infanzia”.

Sensibilità e impegno concreto per la lotta allo spreco alimentare

Anche l’assessore parteciperà sabato, a Milano, alla colletta che a livello internazionale è promossa dall’European Food Bank Federation (FEBA). Dalle 11.30 del mattino, sarà presente con i volontari del Banco alimentare, all’ingresso dell’Esselunga di via Giorgio Washington 53, per sensibilizzarne la clientela del supermercato a non sprecare ma, anzi, a donare cibo. Secondo studi recenti, in Italia ogni anno ciascuna famiglia getta nella spazzatura prodotti commestibili per 454 euro. A livello regionale la Lombardia è al quarto posto nel Paese con 384 euro per nucleo. “Se da una parte i cittadini non buttano vivande e dall’altra i distributori regalano i loro prodotti prima che scadano – sottolinea -, si crea un circolo virtuoso in grado di contribuire a ridurre la malnutrizione e la povertà”.

Uniti si vince

“Iniziative come questa – spiega Bolognini – aiutano a sensibilizzare l’opinione pubblica. Permettono, inoltre, di amplificare l’efficacia dell’ampio ventaglio di provvedimenti messi in campo in Lombardia nel quadro del contrasto alla povertà e a favore dell’inclusione sociale. Azioni efficaci – chiarisce -, come evidenziato dai recenti dati relativi alle richieste di reddito di cittadinanza. Quelle inoltrate in Lombardia sono state più di 150.000, a testimonianza che anche nel nostro territorio ci sono condizioni di deprivazione materiale su cui stiamo cercando di intervenire con azioni congiunte e integrate”.

Il Piano d’azione 2019-2020

“Il Piano di Azione biennale per il contrasto alla povertà in corso di attuazione – spiega Bolognini – punta all’implementazione del sistema di rete e all’integrazione degli interventi. Vogliamo sostenere e sviluppare la realizzazione di punti radicati di raccolta e distribuzione delle derrate. Dobbiamo fare sistema. Far incontrare il settore food e le persone, le famiglie, le comunità locali in stato di povertà, per permettere il recupero e la redistribuzione delle eccedenze alimentari. Proprio per questo motivo, abbiamo di recente stanziato 2,55 milioni di euro. Sono destinati a finanziare 10 progetti realizzati da vari enti che operano sul territorio. Consegnano a chi ha bisogno dei prodotti donati dai privati, come solleciterò sabato, insieme ai tanti volontari, ma anche – conclude – regalati dalle aziende produttrici e dalla piccola, media e grande distribuzione. Perché uniti si può fare tanto. Con la solidarietà si vince sempre”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”