Lombardia, trend costante dei positivi e terapie intensive in calo

I casi in Lombardia al 24 aprile sono 71.256, 1091 in più del giorno precedente; ancora alto il numero dei decessi (166 in 24 ore), mentre le terapie intensive continuano a registrare una discesa costante (43 in meno in 24 ore). La notizia positiva è che complessivamente, i ricoverati in meno negli ospedali della Lombardia nelle ultime ventiquattro ore sono 435. Il direttore della terapia intensiva del Papa Giovanni XXIII, Luca Lorini, ha ribadito che “la strada sicura è tutti a casa e il virus sparirà. Tutto questo va però mediato con ciò che succede intorno a noi, compreso l’aspetto economico e quello produttivo. Occorre fare mediazione tra scienza e pratica. Guarderemo anche a ciò che succede in Germania, che ha riaperto, e impareremo“.

Il primo “Report CercaCovid” di Regione Lombardia, che consiste in un app da scaricare sul cellulare con un questionario anonimo su sintomi, contatti a rischio e spostamenti, è stato scaricato da quasi un milione e 200 mila lombardi, circa il 10% della popolazione della Regione. I dati vengono analizzati da matematici e fisici dell’Azienda regionale per l’Innovazione e gli acquisti (Aria), sotto la guida dell’assessore Fabrizio Sala e l’Università di Pavia. Secondo i primi risultati, oggi quasi 300 mila cittadini, tra quelli che hanno scaricato l’app, si spostano per lavoro. Tra di loro, 19.500 (6,5%) soffrono di almeno due sintomi e 7.500 (2,5%) di almeno tre. Altri 18.500 tra coloro che si spostano per lavoro segnalano contatti con persone “positive”. Lo strumento servirà per orientare le scelte politiche in merito al lockdown.

 

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli