le anemie

Le anemie

Contrariamente a quanto si pensa comunemente, l’anemia non consiste in una riduzione dei globuli rossi nel sangue.

Per anemia si intende una riduzione del contenuto di emoglobina circolante, al di sotto dei 12g\dl nella donna e dei 13g\dl nell’uomo. Per cui può esserci una anemia con un normale numero di globuli rossi e può non esserci anemia anche con un numero ridotto di globuli rossi. Tutto dipende dal contenuto di emoglobina di ciascun globulo rosso. L’emoglobina è un pigmento contenuto nei globuli rossi che trasporta l’ossigeno a tutti i tessuti. All’emoglobina si deve il colore rosso del sangue. La principale distinzione delle anemie si basa sul volume dei globuli rossi. Si distinguono quindi 2 tipi principali di anemie : microcitiche (GR più piccoli del normale) e macrocitiche (GR più grandi del normale). La più frequente delle anemie microcitiche è dovuta ad una carenza di ferro. La carenza di ferro può essere la conseguenza di un malassorbimento, come può succedere a causa di patologie dell’apparato gastroenterico, come per esempio la celiachia, o più frequentemente la causa è una perdita di sangue acuta o cronica. Le emorragie causa di carenza di ferro si manifestano per patologie dell’apparato digerente (ulcere gastriche o duodenali, tumori, coliti, emorroidi) e spesso nella donna per ipermenorrea ( mestruazioni abbondanti) o a polimenorrea (mestruazioni ravvicinate e più frequenti). La più frequente anemia macrocitica è dovuta a carenza di vitamina B12 e\o di acido folico, che sono 2 vitamine fondamentali per una corretta produzione dei globuli rossi. La carenza può essere provocata da un malassorbimento o da una ridotta assunzione con la dieta. Esiste una forma di anemia macrocitica congenita(anemia perniciosa) dovuta ad una carenza di fattore intrinseco, una sostanza prodotta dallo stomaco che permette un corretto assorbimento di vitamina B12. Un’anemia macrocitica o quantomeno una macrocitosi è tipicamente presente negli alcolisti. Qualunque sia la forma di anemia la sintomatologia è simile e si manifesta con, pallore cutaneo e delle mucose, stanchezza, difficoltà respiratoria, tachicardia. La terapia delle anemie microcitiche da carenza di ferro si basa innanzitutto sul trattamento della patologia alla base della perdita di sangue e sulla somministrazione di ferro. Si trovano in farmacia preparati a base di ferro in varie formulazioni: compresse, capsule, flaconi orali e bustine. Il ferro viene assorbito meglio se assunto a digiuno e il suo assorbimento viene accentuato dalla vitamina C. E’ importante anche una alimentazione ricca di ferro e la principale fonte di ferro in natura è la carne. Per i vegetariani gli alimenti più ricchi di ferro sono i legumi, soprattutto secchi e crudi e la frutta secca (nocciole,noci,pistacchi,arachidi). La terapia delle anemie macrocitiche si basa sulla somministrazione di vitamina B12 e\o acido folico. L’acido folico si trova sotto forma di compresse o di capsule mentre la vitamina B12 si trova sotto forma di cpr o di fiale da somministrare per via orale o intramuscolo. Gli alimenti più ricchi di vitamina B12 sono i molluschi, il fegato e vari tipi di pesce. L’acido folico si trova soprattutto nei cavoli, asparagi, carciofi, cereali e uova. Se l’anemia è particolarmente grave, con valori di emoglobina inferiore ai 7g\dl, diventa un’urgenza medica che richiede al più presto una terapia trasfusiva.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare