LAGO MORO: la fase 2 ha riaperto la voglia di tornare, ma con attenzione

Le belle giornate dei giorni scorsi hanno fatto assaporare il tanto desiderato “ritorno alla normalità” con camminate lungo la ciclabile dell’Oglio e gite al Lago Moro. Ma la situazione sanitaria richiede una rinnovata attenzione e senso di responsabilità.

“Il nostro Lago è una delle mete predilette dai nostri concittadini nelle giornate estive per una passeggiata con i bambini e con i nonni o per una merenda sull’erba: un legittimo desiderio di tornare all’aria aperta e al relax che il nostro Lago garantisce -spiega il Sindaco della Città, Ezio Mondini– Però, non possiamo non tener conto della straordinaria emergenza che stiamo vivendo, che sicuramente non è finita”

Il rispetto delle disposizioni di sicurezza (pulizia, distanziamento sociale, mascherine…) per evitare una diffusione del virus è principalmente affidato al senso di responsabilità di ciascuno, ma all’Amministrazione compete un importante ruolo di controllo e regolamentazione proprio per evitare che si creino situazioni pericolose per la salute dei cittadini.

“A malincuore abbiamo dovuto prendere alcune decisioni per un bene più grande: la salvaguardia del benessere di tutti -continua il Sindaco Mondini– Una di queste prevede che, nel corso dell’estate 2020, non riprenda il servizio di bus navetta verso Capo di Lago”

Una decisione sofferta, ma indispensabile vista la necessità di contemperare il rispetto delle norme di sicurezza con quelle economiche.

“Già negli anni passati, il costo del servizio di trasporto non è mai stato coperto con i biglietti pagati e ha sempre richiesto un deciso intervento da parte del Comune – continua il Sindaco Mondini – Naturalmente saremmo intervenuti anche quest’anno, ma i costi da affrontare per poter mettere in totale sicurezza il trasporto sarebbero stati insostenibili e prioritaria è sempre la salute”.

Inoltre, anche in accordo con il Comune di Angolo, a partire dal 1 giugno 2020 l’accesso al lago sarà vietato alle automobili non autorizzate in precise fasce orarie (ndr: sono autorizzati residenti e attività commerciali).

Il divieto di transito con le auto lungo strada che porta al Lago Moro sarà interdetto dalle 9 alle 12,30 e dalle 13,30 alle 19, mentre è sempre assolutamente libero l’accesso a piedi, in bicicletta o con motocicli. Questo significa che, chi, ad esempio, intenda trascorrere la giornata a Capo di Lago con la famiglia, potrà portare i familiari fino alla piazzetta, per poi raggiungerli a piedi dopo aver parcheggiato la macchina a valle del Lago prima delle 9 del mattino o dopo le 19 la sera, oppure in “pausa pranzo” dalle 12,30 alle 13,30.

“Cercando di incontrare le esigenze di chi, magari con i bambini o con persone anziane, vuol salire al lago per il pomeriggio, abbiamo previsto questa ulteriore “finestra oraria” centrale della giornata ovviamente di solo transito – precisa il Sindaco cittadino- Si tratta di una sperimentazione che durerà qualche settimana: qualora si creassero ingorghi o disagi -anche se prevista e garantita la presenza della Polizia Locale- si provvederà ad  una revisione degli orari”.

“Ovviamente rimane libero il transito e la sosta nelle aree dedicate a partire dalle 19,00 -conclude il Sindaco della Città di Darfo Boario Terme– Una scelta a favore delle attività commerciali che animano il Lago Moro”.

Una ricerca costante di mediazione delle esigenze e dei desideri di tutti che, però, deve fare i conti con un imprescindibile priorità: salvaguardare la salute dei cittadini, soprattutto in questo tempo di COVID; una azione che deve poter contare sulla piena corresponsabilità e collaborazione da parte di tutti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli