Lago d’Iseo: sottoscritto il protocollo d’intesa tra Autorità di Bacino Lacuale e associazioni 118

L’obiettivo è quello di garantire la sicurezza e la tranquillità di quanti – turisti e cittadini – vorranno passare le proprie giornate sulle sponde del Lago d’Iseo. Proprio per questo, l’Autorità di Bacino Lacuale dei laghi d’Iseo, Endine e Moro ha sottoscritto un protocollo d’intesa con due associazioni di volontariato del territorio, la Croce Rossa Italiana – OPSA
Bergamo e la Camunia Soccorso, che garantiranno la propria presenza nei fine settimana – e in tutta la settimana a cavallo del ferragosto -, pronti ad intervenire in acqua e fuori per qualsiasi emergenza.

“Due associazioni importanti – ha commentato Alessio Rinaldi, Presidente di AdB – molto ben preparate, attive da tempo sul territorio e per questo garanzia di qualità e sicurezza”. Il servizio di “pronto soccorso” partirà a breve, e vedrà impegnati i volontari fino a settembre: “Presenzieranno ogni fine settimana, dal venerdì alla domenica – ha continuato Rinaldi – dalle 10 del mattino fino al tardo pomeriggio. La Crocee Rossa collabora con noi già da tempo, mentre la Camunia Soccorso è una new entry: siamo certi che i bagnanti e gli avventori del nostro splendido Lago d’Iseo sono in ottime mani”.

“La novità di quest’anno – ha spiegato Raffaello Colombo, storico Presidente di Camunia Soccorso, che dal 2016 è di stanza a Carzano di Montisola con un presidio estivo – è la possibilità di utilizzo della moto d’acqua anche durante la settimana, allestita come mezzo BLSD, ovvero con il defibrillatore a bordo. Questo permette di ottimizzare i tempi in caso di arresto cardio-circolatorio: in questi casi prima si interviene e prima si ha la possibilità di salvare vite umane. Opereremo con personale sanitario con corso di soccorritore esecutore di 120 ore, personale sommozzatori operatori di salvamento e bagnini. Saremo itineranti e faremo formazione ed informazione anche all’interno di campeggi, nei pressi delle spiagge pubbliche”.

“Il pattugliamento costante e continua – ha invece precisato Leonardo Bonzi, referente per la Croce Rossa del servizio OPSA – Operatori Polivalenti Salvataggio in Acqua, di stanza a Predore (BG) – permetterà di garantire un intervento veloce e tempestivo. L’obiettivo è quello di prevenire incidenti e infortuni. I nostri operatori sono comunque preparati al soccorso sanitario, sia in acqua che a terra”. “Gestiremo il servizio con due idroambulanze – ha continuato – ed equipaggi composti da quattro soccorritori, di cui uno farà da Comandante di Unità”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli