Cerca
Close this search box.

“La Val Gandino mi resterà nel cuore”, il saluto dei Sindaci al maresciallo Ciaco

Un saluto carico di gratitudine da parte dell’intera comunità della Val Gandino, servita con concreta vicinanza in oltre sei anni di servizio. Venerdì 29 settembre nel Salone della Valle a Gandino i sindaci Filippo Servalli (Gandino), Marco Gallizioli (Leffe), Enzo Poli (Casnigo), Silvia Bosio (Peia) e Sergio Spampatti (Cazzano S.Andrea) hanno ufficialmente salutato il maresciallo capo Francesco Ciaco, comandante della locale stazione Carabinieri,
destinato dallo scorso 24 luglio a guidare il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Cremona. In una sala gremita da tanti rappresentanti di gruppi e associazioni della Valle, ha preso la parola il sindaco di Gandino, anche a nome dei colleghi. “Il maresciallo Ciaco ha vissuto con noi anni importanti e impegnativi – ha sottolineato Servalli – e la promozione al nuovo incarico conferma la bontà del suo lavoro. Prendendo spunto dal calendario 2023 dell’Arma, voglio ricordare l’impegno primario del Carabiniere rispetto alla gente e all’ambiente, con doveri segnalati dal regolamento istitutivo di inizio ‘800 e anche dall’articolo 9 della Costituzione, rivisto lo scorso anno. Ora il nostro maresciallo Francesco è chiamato a tutelare addirittura l’articolo 1, che ricorda l’Italia come Repubblica fondata sul lavoro”. Il maresciallo, affiancato dal suo vice e successore maresciallo Vittorio Adesso, ha preso brevemente la parola per un saluto accorato. “In questi anni – ha esordito – non mi sono certo annoiato. Devo un grazie speciale ai miei ragazzi e alla mia famiglia, che pure subisce i diversi spostamenti cui il servizio ci obbliga. La Val Gandino e la sua gente, vivace e cordiale, ci resteranno sempre nel cuore”. Nel corso del cordiale incontro sono emersi alcuni momenti salienti di questi anni in Val Gandino: l’inaugurazione della Caserma completamente ristrutturata (2019), l’istituzione dei Carabinieri Forestali, le prime donne in divisa a Gandino, il tragico periodo del Covid. Proprio in questi giorni l’Associazione Carabinieri della provincia di Bergamo ha donato al Santuario della Virgo Fidelis di Incisa Scapaccino (Asti) la riproduzione di un volto della Sindone prodotto in Val Gandino. Al maresciallo Ciaco i sindaci hanno consegnato una targa ricordo, impreziosita da un Marengo d’oro da 20 lire. “Una moneta preziosa – hanno sottolineato – che il maresciallo da buon collezionista potrà apprezzare. Essa segnala idealmente il prezioso servizio svolto tra la nostra gente”. Un omaggio floreale è stato riservato alla moglie Fiorenza Attanasio, attiva volontaria a Gandino in Biblioteca e in ambito parrocchiale, mentre ai figli Giuliano e Giada ciascun sindaco ha consegnato un libro con la storia dei diversi paesi della Valle. Anche Alpini e Protezione Civile hanno consegnato un piccolo segno di gratitudine, prima che un prolungato applauso rinsaldasse un legame che, seppur a distanza, resterà per sempre.

Condividi:

Ultimi Articoli

tram447

A Brescia si decide per il tram

Mentre a Bergamo sono da tempo iniziati i lavori per la realizzazione della seconda linea T2 del tram delle valli ed esattamente quello che collegherà

Annunci “CHI CERCA TROVA CHI CERCA”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23.06.2024   Sul sito del nostro quotidiano online (www.montagneepaesi.com) è pubblicata un’apposita rubrica dedicata gli annunci. E’ possibile inviare il testo dell’annuncio che