Cerca
Close this search box.

La Regione in visita all’incubatoio di Angolo Terme

I volontari che gestiscono l’incubatoio ittico di Angolo Terme hanno ricevuto la visita dell’assessore regionale Beduschi e del consigliere camuno Invernici

Incubatoio di valle di Angolo Terme è di proprietà del comune di Angolo Terme ed è finalizzato alla riproduzione, fecondazione e schiusa delle uova e primo accrescimento per il ripopolamento mediante semina delle acque pubbliche.

L’attività prevalente consiste nella produzione di novellame di Salmonidi ottenuto da uova certificate indenni dalle malattie virali SEV e NEI.

Dopo la schiusa gli avannotti sono alimentati fino al raggiungimento della taglia da ripopolamento prescelta. Una quota di pesci può essere portata fino allo stadio adulto e mantenuta nelle vasche di maggiori dimensioni per costituire uno stock di riproduttori.

La suddivisione degli spazi interni è funzionale alle attività connesse alle varie fasi di fecondazione ed accrescimento ittico: Sulla base delle caratteristiche impiantistiche, l’incubatoio garantisce la produzione di 30.000 pezzi di Trota marmorata 6-9 cm e 220.000 di Trota fario della medesima misura, con taglie e volumi modulabili.

La struttura ha ottenuto da ATS Montagna l’autorizzazione sanitaria per “Impresa di acquacoltura”.

L’ incubatoio di Angolo Terme  permette di allevare le trote destinate a ripopolare il Dezzo, ma anche trote marmorate, salmerini e le trote lacustri per il lago Moro. Soddisfazione per questa opera è stata espressa sia dai camuni che dalla Val di Scalve.

L’impianto si trova all’inizio della via Mala, in territorio di Angolo Terme, ed è costato 235mila euro, il 50 per cento finanziato da Regione Lombardia, il 25% dal Comune e dalla Comunità Montana di Scalve e il restante 25% dalla Comunità Montana di Valle Camonica. La gestione è affidata alle associazioni dei pescatori e ai volontari.

Condividi:

Ultimi Articoli

Incidente moto

Morto un motociclista 45enne.

L’uomo, 45 anni, sarebbe uscito di strada da solo sulla Sp 11 all’altezza della frazione di Desenzano del Garda L’incidente sul territorio di San Martino