Cerca
Close this search box.
come truccare la pelle secca

La pelle secca: come proteggerla davvero

Avere la pelle secca, che tira, si screpola e si spacca, soprattutto al freddo, può essere un fattore genetico, ma a volte è la conseguenza di abitudini cosmetiche sbagliate.

Spesso mi viene chiesto: “Bevo molto ma ho sempre la pelle secca, come mai?” E’ semplice: la maggior parte dell’acqua che abbiamo nella pelle arriva dall’umidità presente nell’aria intorno a noi, non dall’acqua che beviamo. La capacità della pelle di assorbire acqua (come una spugna) è legata ad un’elevata presenza di collagene. Per questo motivo le parti del corpo che sono molto esposte alla luce, come la parte bassa delle gambe, fanno molta fatica a restare idratate, indipendentemente da quanta crema applichiamo. Per mantenere l’epidermide in condizioni perfette è fondamentale che sia presente una sottile barriera di protezione, chiamata “mantello idro-lipidico”. E’ una vera barriera contro l’aggressione di batteri e agenti esterni, ma allo stesso tempo è traspirante e aiuta la pelle a rimanere elastica e resistente. Le due cose fondamentali da fare fin dai primi segni di secchezza:
• NON RIMUOVERE eccessivamente il naturale film idrolipidico della pelle utilizzando detergenti troppo aggressivi e sgrassanti come saponi e doccia schiuma o ancora peggio lo shampoo per capelli.
• AIUTARE LA PELLE a mantenere sano il film idrolipidico applicando quotidianamente sostanze sebo-simili, ricavate da oli vegetali.
Quando si acquista un cosmetico sarebbe buona abitudine controllare l’elenco degli ingredienti ovvero il famoso INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients). Decifrare l’INCI non è semplice, ci sono però alcune sostanze in particolare che è bene evitare come i solfati, gli oli minerali e i profumi.
I SOLFATI sono tensioattivi, servono a diminuire la tensione superficiale dei liquidi e sono utilizzati nei saponi perché fanno schiuma. Sono tendenzialmente irritanti e se utilizzati a lungo alterano la barriera naturale della cute disidratandola. I più comuni sulle etichette: SODIUM LAURYL SULFATE, SODIUM
DODECYL SULFATE, SODIUM LAURETH SULFATE, SLS, SLES.
Gli OLI MINERALI sono abbondanti nei latti detergenti e nelle creme protettive. Detti anche petrolati, sono una classe di composti ricavati dal petrolio per distillazione. I prodotti più conosciuti sono la vasellina e la paraffina. Applicati sulla cute costantemente formano un film lipidico artificiale che occlude i pori e favorisce la comparsa di punti neri e impurità. Indicati negli ingredienti come: OLIO MINERALE (MINERAL OIL), GEL DI PETROLIO, PETROLATUM, VASELLINA, PARAFFINUM LIQUIDUM. La voce PROFUMI in un’etichetta può indicare la presenza fino a 4000 diverse sostanze, tra cui l’alcool che è un forte disidratante. Quasi tutte sono sintetiche. I sintomi riportati sono: emicrania, capogiri, eruzioni cutanee, macchie cutanee, tosse e reazioni allergiche della pelle.
Un cosmetico privo di queste sostanze si definisce pulito e un buon alleato per il benessere della cute.

Silvia Caffi
Estetista e Osteopata

Condividi:

Ultimi Articoli

Luigi Ravasio. Le regole dell’astrazione

Sarà aperta domenica 21 aprile presso la Galleria dell’Accademia Tadini di Lovere (Bg) la mostra “Luigi Ravasio. Le Regole dell’astrazione”. La mostra nasce dalla donazione