MF

La montagna tra governance e comunità La politica fa quadrato per il «futuro»


Governance e comunità: la montagna lombarda fa rete. E il suo futuro sarà il tema posto al centro dell’incontro previsto per il prossimo 20 settembre in comune ad Alzano Lombardo per il format Montagna Futuro. Dopo Luino (Varese), Colico (Lecco) e Cividate (Bergamo) il format di Regione Lombardia – nato da un’idea del governatore lombardo Roberto Maroni – sbarca ad Alzano Lombardo per aprire un ampio confronto con i territori montani.

Una politica per la montagna  –  Ad inizio legislatura nel programma regionale di sviluppo è stato inserito tra gli obiettivi quello di sviluppare la propria politica per la montagna con azioni coordinate e interdisciplinari sia nei processi legislativi che nei diversi livelli di programmazione e pianificazione. L’obiettivo quindi è lo sviluppo di un’azione unitaria in tutte le tematiche che possano interessare la montagna, ponendo particolare attenzione alla coerenza delle azioni con le intrinseche peculiarità territoriali, sociali ed economiche, puntando su azioni coordinate e interdisciplinari che facciano della trasversalità e della sinergia tra tutti i soggetti coinvolti la loro forza. E il progetto di Montagna Futuro va proprio in questa direzione.

Ascolto e confronto  –  Gli incontri sono tutti finalizzati all’ascolto e al confronto di chi la montagna la vive tutti i giorni, per sostenerne la tutela e la crescita, per aiutare questi territori a ridurre i processi di spopolamento e di impoverimento dando ad essi voce e garantendo ascolto e sostegno per la definizione di progettualità e strategie. E proprio per la definizione di politiche efficaci per la montagna, un ruolo imprescindibile è giocato dal rapporto tra pubblico e privato poiché le capacità di operare secondo logiche di rete diventa elemento determinante per favorire i processi in grado di aumentarne l’attrattività generando nuove opportunità.

I protagonisti  –  Anche per l’incontro di Alzano Lombardo sono stati individuati relatori qualificati e qualificanti tra i quali il presidente di Imprese&Territorio e Coldiretti Bergamo Alberto Brivio, il professore aggregato di Economia del Turismo dell’Università degli Studi di Bergamo Andrea Machiavelli, il presidente di UniAcque SpA Paolo Franco. A fianco ad essi ed al sottosegretario Ugo Parolo, delegato Regione Lombardia per le politiche della Montagna, interverranno altri importanti testimoni e relatori che daranno voce ad un dialogo di carattere innovativo per Regione Lombardia, che proprio con i territori di montagna sta lavorando per sostenerne il loro futuro.

Tutti i dettagli dell’evento sono presenti sul sito: montagnafuturo.it.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di