La Cms si aggiudica l’area ex Mvb

Fiom Cgil: Buona notizia per la Valle e i lavoratori di Cms Industries. L’investimento garantirà continuità e nuovi posti lavoro.

“Questa è davvero una buona notizia per la valle Brembana e in particolare per i lavoratori della CMS di Zogno”.  Così Andrea Agazzi e il segretario generale della FIOM CGIL provinciale Eugenio Borella hanno commentato la notizia dell’aggiudicazione di 27mila metri quadri della vecchia MVB da parte della vicina azienda meccanica CMS, controllata da SCM di Rimini. I sindacati hanno appreso la novità dalla stampa locale.

“Come FIOM-CGIL di Bergamo esprimiamo soddisfazione per quest’investimento della CMS e della SCM nel territorio della valle”, continuano Agazzi e Borella. “Abbiamo appreso la notizia solo dalla stampa e per la verità questo ci ha sorpreso visto il percorso di ampia condivisione avuto con l’azienda dalla Rappresentanza Sindacale Unitaria e da noi, organizzazioni sindacali, in questi anni, a partire dal trasferimento della CMS da Levate a Zogno”.

L’acquisizione da parte di SCM di Rimini della totalità delle quote di CMS di Zogno, avvenuta un anno fa, aveva suscitato fra i lavoratori preoccupazioni in merito alla permanenza di CMS in valle Brembana. Con questo investimento la società conferma il forte radicamento della produzione sul territorio orobico.
“Il sito della manifattura, che dista poche centinaia di metri dall’attuale sede di CMS, è per noi una soluzione che dovrebbe garantire continuità lavorativa e che oggi ci fa auspicare un aumento dell’occupazione, in un’area della provincia che negli ultimi anni ha visto sparire nel nulla aziende e posti di lavoro”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”