casa di riposo di gandino

La Casa di Riposo di Gandino cerca benefattori

La necessità di offrire un servizio adeguato, da coniugare con aspetti economici che richiedono la collaborazione di tutta la comunità. Il nuovo Consiglio d’Amministrazione della Casa di Riposo di Gandino, Fondazione Cecilia Caccia del negro, ha varato un progetto con l’obbiettivo di migliorare la qualità di vita degli ospiti. Nel piano, approvato dal consiglio retto dal presidente Luigi Bernardi, è ricompreso l’acquisto di attrezzature e apparecchiature mediche e sanitarie volte a dare sollievo agli ospiti con le patologie maggiormente invalidanti. Tra questi, soltanto per citarne alcune: Fisioterapia Diatermia, Magnetoterapia, Laser, Ecografo, Letti elettrici. “Risulta evidente – spiega il cda – che l’aggravio di spesa relativa a queste attrezzature, unitamente a quella di ordinaria amministrazione, appesantiscono di molto la gestione finanziaria dell’Ente. Si fa pertanto affidamento sulla sensibilità dei gandinesi verso questa “grande casa” (esistente sin dal 1640) che appartiene alla comunità intera. Ogni condivisione sarà ovviamente ben accetta: dal volontariato che già opera proficuamente ogni giorno, a quanti già hanno donato e a quanti lo faranno”. E’ noto che i contributi sono fiscalmente detraibili. Chi volesse partecipare alla raccolta fondi, può utilizzare il seguente IBAN bancario: IT06R0311153060000000002100 intestato a Fondazione Cecilia Caccia in Del Negro. Si ricorda inoltre che è possibile aiutare la Casa di Riposo destinando il 5 per mille delle imposte sui redditi per fini sociali, inserendo il codice fiscale 81001170166 e firmando l’apposita casella della dichiarazione dei redditi (730 – UNICO) o del CUD per coloro che non sono obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare