Per la Master Rapid SKF è stato davvero un ottimo weekend quello appena trascorso: Oro ai Regionali Fijlkam a Squadre di Kumite e Oro e Titolo Regionale per Aurora Pendoli e Luigi Baronchelli negli Esordienti A; in contemporanea, in Veneto, oro anche per Matilda Pulega e Andrea Boschini, bronzo per Sanjiv Tiraboschi e Asia Ippolito.

Domenica mattina a Pozzuolo Martesana (Milano) si sono svolte le fasi regionali del Campionato Italiano a Squadre Giovanili di Kumite. La squadra della Master Rapid SKF CBL composta da Matteo Landi, Mattia Ciarloni, Enrico Poiatti, Andrea PelamattiG, Michael Bonomelli, Michael Ghislandi e Davide Carera si è aggiudicata il titolo regionale nel kumite maschile. La compagine ha infatti superato al primo turno la Polisportiva Nakayama (Brescia) poi la Wayukai Meda (Monza e Brianza) e nella finalissima ha avuto la meglio sui milanesi del Karate Torado.

Nel pomeriggio si sono svolte le fasi regionali del Campionato Italiano Esordienti A riservato ai nati nel 2004/3. Questi i podi per il team accompagnato dai Maestri Francesco Maffolini, Dario Zanotti, Vincenzo Ippolito e Francesco Landi: Pendoli Aurora si è riconfermata Campionessa Regionale, mentre per Luigi Baronchelli Oro e titolo Regionale entrambi nella specialità Kumite (combattimento).

Ottima gara per Lorenzo Marciano con il doppio bronzo nelle due specialità del karate: kata e kumite. Medaglia di Bronzo per Andrea Ceresoli, Mattia Seghezzi, Maria Pia Sereno, Alessia Bellini e Lorenzo Fracassi; buoni piazzamenti anche per Thomas Mariolini, Dario Zana e Michael Pedersoli 5’ classificati e Giulia Iordache e Angela Moreschi 7’ Classificati. Nella classifica per Società Categoria Esordienti A. 1° Posto nel Kata Maschile e 3° Posto nel Kumite Femminile.

Contemporaneamente al Palasport del Comune di Due Ville (Vicenza) alla gara denominata “AT Karate Veneto” hanno brillato Matilda Pulega oro nel Kumite e Boschini Andrea oro nel Kata, bene anche Sanjiv Tiraboschi (Kata) ed Ippolito Asia (Kumite) medaglie di bronzo, in evidenza anche Paola Minoia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *