Policlinico Ponte S. Pietro

Ipotesi di omicidio colposo per la morte della piccola Aurora

I genitori di Aurora, Laura di 29 anni e Luigi di 22 anni, abitanti a Brembate, la neonata morta pochi secondi dopo la nascita al Policlinico di Ponte S. Pietro martedì 20 novembre dopo dopo le 21.30, hanno sporto denuncia: vogliono sapere se qualcuno che doveva aiutarla a nascere ha sbagliato e se la piccola poteva essere salvata.

Aurora è nata viva: il monitor registrava il battito cardiaco. Quel cuoricino ha però smesso di battere pochi minuti dopo. Non si sa cosa sia successo in quelle ore e quali siano le cause del decesso: la direzione del Policlinico per ora preferisce non pronunciarsi. Ma di fronte alla rabbia e al dolore della coppia, sono proprio i dirigenti dell’ospedale a suggerire di rivolgersi ai carabinieri. Giovedì 22 novembre è stata depositata la denuncia e il pm Giancarlo Mancusi ha aperto un fascicolo, per ora contro ignoti. L’ipotesi di reato è quella di omicidio colposo. L’autopsia predisposta al Papa Giovanni di Bergamo servirà ad accertare le cause della morte, a capire se si sarebbe dovuti intervenire in anticipo con qualche forma di induzione al parto, e a comprendere se il cuore della piccola Aurora avrebbe potuto continuare a battere.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché