maroni

«Io l’immigrazione clandestina l’avevo fermata»

Ospite a Porta a Porta il governatore della Lombardia ricorda i numeri della Primavera araba. 

Io l’immigrazione clandestina l’avevo fermata. Ricordo i numeri: nel 2011, quando ci furono la ‘Primavera araba’ e la guerra in Libia, arrivarono 48.000 persone e io dichiarai lo stato di emergenza e, a luglio 2011, con gli accordi bilaterali, con 13.000 rimpatri, l’immigrazione clandestina si fermò”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, durante la trasmissione ‘Porta a Porta’.

Questo è il messaggio da dareha sottolineato Maroni -: se ogni giorno si rimanda indietro un aereo con i rimpatriati, nessuno parte più. Queste sono le cose che abbiamo messo nel nostro documento di governatori”.

“L’accordo con Gheddafi venne firmato dal mio predecessore al Viminale Giuliano Amato – ha ricordato Maroni, replicando all’obiezione di Vespa su fatto che l’accordo fosse stato fatto con Gheddafi – e restò in vigore dal 2009 fino a fine 2010. Nel 2011, con la ‘Primavera araba’, Gheddafi non c’era più e quindi neppure l’accordo. Io andai in quei Paesi, in Tunisia in particolare, e feci un accordo con le autorità tunisine per fermare l’immigrazione”.

Queste cose abbiamo scritto nel documento che abbiamo mandato sia a Renzi che ad Alfano – ha ribadito -: va bene che siamo governatori di Regioni e non ministri né sottosegretari, ma non è arrivata neppure una telefonata dal Governo ai governatori di tre Regioni importanti del Nord. Unica piccola soddisfazione – ha concluso Maroni – è che oggi il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha detto le stesse cose che stiamo dicendo noi, quindi benvenuto nel club dei critici”.

 


Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Un corso per la cosmesi naturale

Nell’ambito della rassegna “Estate nel Parco 2021”, il Centro Faunistico del Parco dell’Adamello, gestito dall’Associazione LOntànoVerde con il supporto del Parco dell’Adamello e del Comune