In prima linea all’ospedale di Codogno

Giorgio Scanzi, di San Pellegrino, primario all’ospedale di Codogno, doveva ritirarsi a fine mese, ma ha rinviato la decisione rimanendo in prima linea nel suo Ospedale.

Doveva andare in pensione il prossimo 29 febbraio, ma davanti a un’emergenza di tale portata ha deciso di rientrare nell’«occhio del ciclone», proprio nel cuore del focolaio da coronavirus e si è rimesso in corsia, all’ospedale di Codogno, dove il 21 febbraio è arrivata la conferma della positività al virus del primo italiano, un paziente trentottenne. L’eroico camice bianco è nato a San Pellegrino, 65 anni fa, e oggi è il primario di Medicina a Codogno, nel Lodigiano.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Lunghe code sulla Statale 42

Problemi al traffico anche questa mattina nel tratto tra Luzzana e Borgo di Terzo dove si sono registrate lunghe code. Il traffico molto sostenuto è

Studenti Scuola

Borse di studio per studenti orfani

La Fondazione Giuseppe e Carlo Girola ed Ida Stucchi Vedova Girola O.N.L.U.S. indice un concorso per l’assegnazione di 170 borse di studio, del valore di