Il Tar dice NO al fratello di Anas El Abboubi

Il fratello di Anas El Abboubi di Vobarno in Valle Sabbia, accusato di terrorismo e ora probabilmente legato all’Isis in Siria, non potrà essere riconosciuto come italiano.

L’istanza del giovane è stata respinta dal Viminale. L’avvocato della famiglia ha presentato ricorso al Tar del Lazio che nelle ore precedenti al 15 settembre ha rigettato l’istanza del legale. Così il giovane, residente e cresciuto con la famiglia a Vobarno, a causa del fratello, arrestato nel giugno 2013 con l’accusa di terrorismo e liberato dal tribunale del Riesame di Brescia – di cui non ha notizie da anni – non può diventare italiano. Ma l’avvocato ha annunciato un nuovo ricorso.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Andamento occupazione nella bergamasca

Rispetto alle previsioni, la fine del congelamento dei licenziamenti non ha provocato gli effetti negativi che preoccupavano gli imprenditori del terziario di Bergamo nei mesi

Natale ad Ambivere

Si avvicinano le feste natalizie e, puntualmente, tornano, per la gioia di grandi e piccini, le belle iniziative organizzate dall’amministrazione comunale di Ambivere, da sempre