Il Tar dice NO al fratello di Anas El Abboubi

Il fratello di Anas El Abboubi di Vobarno in Valle Sabbia, accusato di terrorismo e ora probabilmente legato all’Isis in Siria, non potrà essere riconosciuto come italiano.

L’istanza del giovane è stata respinta dal Viminale. L’avvocato della famiglia ha presentato ricorso al Tar del Lazio che nelle ore precedenti al 15 settembre ha rigettato l’istanza del legale. Così il giovane, residente e cresciuto con la famiglia a Vobarno, a causa del fratello, arrestato nel giugno 2013 con l’accusa di terrorismo e liberato dal tribunale del Riesame di Brescia – di cui non ha notizie da anni – non può diventare italiano. Ma l’avvocato ha annunciato un nuovo ricorso.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare