Vardé

Il nuovo Prefetto di Brescia ha incontrato la stampa

Il nuovo prefetto di Brescia, Annunziato Vardé, ha esordito a Brescia presentandosi alla stampa e confidando di essere molto contento dell’incarico ricevuto dal ministro Minniti.

A Brindisi ha trascorso poco più di un anno, lascia il posto a Valerio Valenti, che si è congedato da prefetto di Brescia. Una doppia nomina imprevista, decisa dal consiglio dei Ministri la scorsa settimana. «Noi, che siamo dentro questi meccanismi, sappiamo di dover essere sempre a disposizione del governo» ammette il nuovo prefetto, onorato del suo arrivo a Brescia, dove dovrà affrontare anche altri tavoli, come quelli sulla chiusura di certe fabbriche e sul tema ambientale. Il nuovo Prefetto ha gestito l’iter per l’apertura delle discariche nella Terra dei fuochi e sostiene che nel Bresciano le condizioni sono completamente diverse: a Napoli c’era l’immondizia per strada – ha sottolineato – nel Bresciano, a parte qualche smagliatura, sarebbe inconcepibile un commissario per la questione rifiuti. Quella ambientale è una questione che a Brescia non va sottovalutata: i 17 milioni di metri cubi di rifiuti, a Montichiari, ne sono un esempio. Un’altra sfida, sul fronte profughi, è quella dell’ex caserma Serini, di recente inserita nella lista dei Centri permanenti per i rimpatri (Cpr). C’è un’intesa con il Comune di Montichiari, ma per ora i tempi per aprire la struttura non sono certi. Il nuovo Prefetto, che ha già incontrato il sindaco Emilio Del Bono e i vertici delle forze dell’ordine, ha mostrato apprezzamento per un territorio ben presidiato: la sezione Dia è un’arma in più per contrastare le infiltrazioni mafiose, in un territorio, Brescia, che ha una grande «importanza economia. Ne sono consapevole» ha detto Vardé. Per lui, calabrese 56enne (57 anni il prossimo 6 giugno) e con un’esperienza da prefetto a Ragusa, la criminalità si combatte sempre più spesso con misure che vanno ad aggredire i patrimoni. Sul fronte sicurezza, le strategie antiterrorismo l’attenzione deve essere massima, ha detto il nuovo Prefetto.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare