Omicidio Caravaggio slot.jpg

Il fratello di Novembrini accusato del duplice omicidio

Duplice omicidio consumato all’interno della sala slot ‘Gold Cherry’ di Caravaggio intorno alle 18,15 di mercoledì 4 aprile Le vittime si chiamano Carlo Novembirini, classe 1967 siciliano di Gela, e la compagna Maria Rosa Fortini, nata a Crema nel 1978. Entrambi sono residenti a Sergnano in provincia di Cremona.

Il primo era un ex sorvegliato speciale che aveva scontato alcuni anni al 416 bis. Le immagini delle telecamere di sorveglianza del locale di Caravaggio hanno ripreso due persone: il presunto killer e una donna dirigersi verso una Panda bianca. Alla fine della sparatoria risultato 4 colpi di pistola esplosi che hanno raggiunto la coppia senza lasciar loro scampo. I colpi sono stati esplosi a bruciapelo da una semiautomatica 9×21. I primi avrebbero raggiunto il petto e la testa di Carlo Novembrini, poi la compagna Maria Rosa Fortini, freddata con altri due colpi alla testa. Sul posto sono giunte tre auto dei carabinieri, oltre ai volontari del 118 per i soccorsi. Presente anche il sindaco, Claudio Bolandrini e il sostituto procuratore Gianluigi Detttori, titolare dell’inchiesta che è scattata contestualmente alla notizia del delitto. In un primo momento gli inquirenti non hanno escluso nessuna pista: dal delitto passionale al regolamento di conti. Fortunatamente nessun altra persona è rimasta ferita durante la sparatoria. I famigliari di Carlo Nembrini, arrivati in serata e ascoltati dai Carabinieri di Treviglio, sono parsi subito scettici sull’ ipotesi dell’omicidio passionale. Una volta arrivati a Caravaggio, sono stati informati che Carlo Novembrini e Maria Rosa Fortini, prima di essere assassinati, avevano avuto un diverbio con un’altra coppia che era entrata nella sala slot: Maria si sarebbe messa a litigare con l’altra donna della coppia. Dopodiché la lite è degenerata e così si sono intromessi gli uomini che hanno iniziato ad azzuffarsi. Ed è a quel punto che l’uomo dell’altra coppia ha estratto la pistola e ha sparato colpendo prima Maria Rosa che ha cercato di fare da scudo a Carlo e poi anche Carlo uccidendo entrambi sul colpo. Ma nella notte il colpo di scena: il fratello di Carlo, Maurizio Novembrini, elle ore successive all’omicidio, pregiudicato di 43 anni residente a Treviglio e sottoposto a fermo (che potrebbe essere stato accompagnato dalla sorella con la Panda bianca da cui è sceso), è entrato nel locale determinato a vendicarsi, forse per questione di onore familiare e ha platealmente esploso due colpi contro Carlo, poi ha spostato l’attenzione su Maria Rosa Fortini che, accortasi dell’arrivo del “cognato” avrebbe tentato di proteggere il compagno. Intanto il reparto scientifico dei carabinieri ha eseguito fino a tarda serata i rilievi nel locale che è stato posto sotto sequestro.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare