Giovanni Scanzi

Il cuoco Giovanni Scanzi muore travolto da un’auto

Giovanni Scanzi, cuoco in carriere di soli 24 anni, è morto nella mattinata di sabato 1 settembre travolto da una vettura, mentre attraversava la strada insieme al papà Massimo di anni 64, ora ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo.

E’ accaduto attorno alle 9.30 quando i due arrivano insieme a Lallio a bordo di una Ford Kia per recarsi alla carrozzeria M&P, all’altezza del civico 8 della via Provinciale, dove dovevano ritirare un’altra auto in riparazione. Dopo aver parcheggiato a lato della strada, cercano di attraversare a circa 100 metri dalle strisce pedonali. Ma in quel momento stava sopraggiungendo una Fiat 500 condotta da un 34enne di Massalengo (Lodi), che procedeva in direzione di Dalmine. L’impatto è stato violento: i due sono stati travolti e sbalzati per alcuni metri in una roggia piena d’acqua che costeggia la carreggiata. All’arrivo dei soccorsi è stato subito chiaro che per Giovanni non c’era più nulla da fare. Lunghe e complesse le operazioni di soccorsi, dei rilievi di legge e del ripristino della circolazione. Il giovane cuoco lavorava al Bù Cheese Bar di Bergamo e sognava di diventare in grande chef.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli