IMG 20181128 WA0003

Il cammino di Santiago della Valle Camonica

“Il cammino è espressione di libertà: puoi muoverti lentamente o inseguire la prossima tappa, fermarti a vedere un paesaggio al tramonto o una santella arroccata a mezza montagna: decidi tu quando, dove e come farlo” commenta Antonio Votino mentre racconta di come, insieme ad Andrea Grava, ha realizzato un ambizioso progetto che pochi mesi fa era solo un sogno.

I due ragazzi, armati di passione, determinazione e zaino in spalla, hanno ritracciato e segnato due percorsi storici rendendoli turisticamente attraenti per viandanti e amanti del turismo lento. Le antiche vie si inseguono parallelamente e percorrono l’intera Valcamonica: il cammino di Carlo Magno e la Via Valeriana.

Il progetto è nato con il gruppo Facebook “Amici della via Valeriana dal Lago d’Iseo alla Valle Camonica” (dove è possibile trovare il materiale informativo e le tracce) ed è cresciuto fino a diventare realtà. I due Cammini abbracciano la Valle geograficamente da destra e da sinistra, si guardano dai lati, due volte si incrociano, si toccano, si abbandonano nuovamente e si ritrovano: una sinfonia perfettamente in armonia con il territorio.

Entrambi sono percorribili a piedi: la via Valeriana è suddivisa in 9 tappe, parte da Pilzone e raggiunge il Tonale, per una lunghezza di 140 km, mentre la via di Carlo Magno (5 tappe), si dilunga per circa 100 km, ha inizio a Lovere e termina a Ponte di Legno.

Un lavoro meticoloso Dopo uno studio accurato dei percorsi, sia su vecchie mappe che sul campo, Andrea e Antonio hanno individuato la linea delle due vie, le hanno suddivise in tappe, tracciato il percorso sulla carta e segnato la traccia gps. Ogni sosta è descritta in modo preciso e sono state individuate oltre 50 strutture ricettive tra Bed and Breakfast e ostelli, per permettere agli audaci pellegrini di riposarsi in vista del viaggio seguente. La mappatura è stata inserita tra i “cammini d’Italia” e l’iniziativa è stata sposata dalla Comunità Montana, che ha aderito alla creazione di una segnaletica, in fase di completamento nei prossimi mesi. Occhi aperti per cercare gli adesivi e i segni spray con la corona rossa (Cammino di Carlo Magno) e La V gialla e marrone (Via Valeriana), saranno la stella maestra che guiderà il viandante lungo il cammino.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Arte medievale nelle Alpi

La Società Storica e Antropologica di Valle Camonica organizza il X convegno I.S.T.A. (Incontri per lo Studio dei Territori Alpini) dal titolo “Arte medievale nelle

Uccisa a colpi di martello

Ancora violenza ai danni di una donna bresciana uccisa a martellate. Enzo Galesi 59enne tempo fa aveva avuto una relazione con Elena Casanova di 41