I dieci anni del mensile interValli, la Bergamo curiosa lo celebra con uno speciale di 4 pagine


Tutti almeno una volta nella vita, viaggiando sui trasporti pubblici delle grandi città, abbiamo dato una lettura a giornali free press (stampa gratuita). Iniziative editoriali di questo genere rappresentavano agli inizi degli anni ’90 una vera e propria «rivoluzione» dell’informazione; un fenomeno che ha aperto nuovi scenari all’interno del mercato editoriale basato su prodotti inediti per formato, presentazione delle notizie, costi di produzione e distribuzione, interamente coperti dall’acquisto di spazi pubblicitari da parte di inserzionisti. Molte iniziative negli anni sono cessate soprattutto a causa della forte crisi che ha colpito il settore dell’editoria, altre invece hanno saputo resistere a questo mare in tempesta, investendo semplicemente sul proprio prodotto e rilanciando aprendo verso nuovi orizzonti come l’online. 

Questa è anche la storia di interValli, mensile di informazione e approfondimento culturale, storico e sportivo, distribuito nella Valli Brembana e Imagna, nell’hinterland bergamasco, e che dal 2008 – per un totale di 11 mila copie- viene distribuito gratuitamente nei Comuni e in tutte le attività commerciali del territorio. Una storia che inizia però ben prima del 2008, a Basilea. Lì, l’imprenditore Antonio Martinelli prende spunto da un giornale locale (a distribuzione gratuita) per dare vita in Italia, e più precisamente nella Val Camonica, a Montagne&Paesi. «All’epoca esistevano due testate locali – racconta Martinelli-, il classico giornale che tutti ogni giorno compriamo in edicola, e un free press da 165 mila copie. La cosa che mi colpì era la ricca partecipazione delle attività commerciali che contribuivano alla vita di questo giornale, molto vicino alle persone. Partendo da questo presupposto, è nato Montagne&Paesi, un giornale all’attivo da 20 anni e di cui vengono stampate e distribuite mensilmente 25 mila copie. Anche la scelta del nome non è stata casuale perché la nostra idea, quella del nostro Gruppo editoriale, era appunto raccontare di montagna e delle sue genti in modo positivo. In un momento in cui la grande stampa locale cercava di internazionalizzarsi, sentivo che c’era bisogno di dar vita ad un giornale che sapesse in un qualche modo raccontare le piccole storie di cronaca bianca, quelle che non fanno notizia ma fanno crescere una comunità».

Nel 2008 Montagne&Paesi attira l’attenzione dell’imprenditore bergamasco Luca Tironi, che decide insieme ad Antonio Martinelli di replicare l’iniziativa anche in Valle Brembana e in Valle Imagna. Nasce così interValli. 

 

 

 


0001 11

 

L’articolo integrale su BergAmè – La Bergamo Curiosa. Il numero di Aprile – Maggio è in Edicola.

 


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

San Fermo Trail si disputa in agosto

San Fermo Trail, dopo un anno sabbatico causa Covid,ritorna domenica 22 agosto sull’Altopiano del Sole con due importanti novità per la vigilia della gara: una

Nuovo logo per promuovere Parre

L’Agenzia Lino Olmo Studio di Onore si è aggiudicata il concorso per la creazione del logo turistico di Parre, lanciato dal Comune della Val Seriana

Incidente, con un ferito, a Pisogne

Un incidente stradale si è verificato nel primo pomeriggio di oggi, sabato 15 maggio,  in territorio di Pisogne Alle ore 14:10, in via Milano un’auto