Motociclista Crocedomini

Grave incidente tra due motociclisti sulla strada del Crocedomini

Grave incidente stradale tra due moto verso le ore ore 11.00 su un tornante sulla provinciale 345 che porta al passo Crocedomini, circa un chilometro prima della località Campolaro salendo da Bienno. I due motociclisti coinvolti, un milanese di 40 anni e un tedesco di 30 anni, hanno riportato gravi lesioni e sono ricoverati in prognosi riservata al Civile di Brescia e al Papa Giovanni di Bergamo.

I due centauri si sono scontrati proprio nel mezzo del tornante che si incontra dopo il breve rettilineo in località Nodano (dove era partito l’incendio del 4 gennaio 2016). Dopo l’impatto il 40enne milanese è rotolato sull’asfalto, restando cosciente e urlando per il dolore mentre il motociclista tedesco è finito contro il muro di contenimento della sede stradale restando vigile ma senza rispondere agli stimoli esterni. I compagni di viaggio dei due hanno chiamato i soccorsi e sul posto sono giunte ambulanze di Camunia soccorso, due elicotteri del 118 da Brescia e da Bergamo e l’automedica di Esine. I soccorritori degli elicotteri sono stati calati sulla strada con il verricello. Constatate le gravi condizioni, soprattutto del giovane tedesco, i due centauri sono stati trasportati con l’ambulanza da terra di Camunia soccorso a Campolaro, dove erano atterrati in un ampio spazio: il 40enne milanese è stato portato al Papa Giovanni di Bergamo, mentre il 30enne tedesco al Civile entrambi in gravi condizioni e in prognosi riservata. Per permettere i soccorsi la Provinciale è stata chiusa e subito si sono formate lunghe code di motociclisti anche perché in questo fine settimana è in programma il motoraduno internazionale di Bazena-Crocedomini.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare