Incidente auytostrada notte

Bimbo di 4 anni muore a causa di un grave incidente

E’ morto poco dopo essere stato trasferito in codice roso in elicottero al Civile di Brescia il bambino di 4 anni che era rimasto gravemente ferito in un incidente accaduto lungo la bretella della Brebemi all’altezza dello svincolo di Pedrocca-Cazzago S. Martino, pochi minuti prima delle 18 di venerdì 15 novembre.

Pare che la pioggia ed il fondo insidioso dell’asfalto siano la causa di quanto accaduto. Nell’incidente, che ha visto coinvolte tre auto, si sono registrati 5 feriti: due ragazzine di 12 anni, un uomo di 34 ed un altro di 38 anni ed il bimbo di 4 anni, che parso subito molto grave ai soccorritori accorsi sul posto con 5 ambulanze, l’automedica e l’elicotetro del 118. L’incidente è stato innescato dal contatto durissimo tra una Rénault Scenic di una famiglia di Chiari contro la cuspide che separa le carreggiate tra la direzione di Brescia e la Sp19 in direzione di Castenedolo. La Poliziastradale di Chiari, che ah effettuato i rilievi, dovrà ora stabilire l’esatta dinamica dell’accaduto: è però certo che la monovolume bianca ha travolto la cuspide e, come conseguenza, ha subito perso la ruota anteriore destra che è rimasta sull’asfalto accanto al guardrail. A quel punto la Rénault ha ruotato su se stessa colpendo altre vetture in transito, tra cui una coupé Audi e un suv Land Rover. La peggio tra i cinque feriti l’ha avuta appunto il bimbo di 4 anni, trattenuto sui sedili da un seggiolino. In auto con lui il padre di 34 anni alla guida, la sorella di 12 anni e la cuginetta anche lei 12enne. Il quinto ferito viaggiava a bordo del suv coinvolto dalla carambola della Scenic. Tutti i feriti sono stati trasferiti al Civile, tra cui il bambino trasferito in elicottero. Purtroppo in tarda serata la terribile notizia: il piccolo non ce l’ha fatta. Si tratta della 68esima vittima della strada nel Bresciano in questo 2019.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli