Infortunio Fantecolo

Grave 71enne sbalzato dal trattore a Fantecolo

Grave infortunio questo martedì 11 ottobre poco dopo le 14.00 a Fantecolo di Provaglio d’Iseo: un uomo di 71 anni è stato sbalzato dal trattore su cui viaggiava ed ha battuto pesantemente il capo a terra.

La dinamica dell’accaduto è al vaglio dei Carabinieri di Iseo intervenuti sul posto con il supporto di due pattuglie della Polizia locale, ma sembra dalle testimonianze raccolte sul posto che l’anziano stesse viaggiando come passeggero su un trattore scoperto, con un rimorchio al traino. Nella mattinata due trattori avevano fatto al spola dalla collinetta fittamente boscata che separa Fantecolo dalla campagna di Provaglio: alcuni uomini del posto stavano effettuando il taglio delle piante e con due trattori trasportavano tronchi e ramaglie in un piazzale del paese. Dopo la breve pausa del pranzo il trattore condotto da un giovane aveva imboccato via Bonfadini in salita e giunto al bivio con via Paolo VI aveva svoltato a sinistra per prendere la via dei boschi. Sul parafango della ruota posteriore destra era seduto il 71enne che ha perso l’equilibrio ed è caduto all’indietro, spinto dalla forza centrifuga della curva, battendo il capo sull’asfalto. Le sue condizioni sono parse subito gravi: allertati i soccorsi, sul posto cono giunti i volontari della Croce Rossa di Palazzolo che hanno effettuato il primo intervento urgente, stabilizzando quindi il ferito sulla barella spinale. Quindi hanno provveduto a consegnarlo ai sanitari dell’elicottero del 118 giunto da Brescia ed atterrato sullo spiazzo erboso antistante la chiesa. Da qui è stato trasferito in volo al Civile in codice rosso per trauma cranico.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare