Grandi novità per Colere Ski Area

L’attuale seggiovia che da Carbonera di da Colere porta a malga Polzone in primavera terminerà il suo storico servizio e sarà sostituita da una cabinovia coperta di ultima generazione, con una portata oraria tripla rispetto all’attuale. I lavori di ammodernamento, efficientamento e razionalizzazione della bella stazione della Valle di Scalve, una delle perle delle Orobie bergamasche, prevedono anche lo smantellamento delle attuali due seggiovie che da Polzone portano alla Cima Bianca e da qui al Nido dell’Aquila. Sono le novità di assoluto rilievo illustrate dalla nuova Società RSI, che ha acquistato gli impianti di Colere. Massimiliano Belingheri, principale azionista della società, ha illustrato in dettaglio quali saranno gli investimenti, partendo nell’immediato dall’acquisto di due nuovi battipista che hanno consentito di mettere a punto le piste e aprire la stazione. E’ stato inoltre installato un nuovo tapis roulant per le lezioni di sci ai principianti. I questo modo, la stazione è tutta funzionante, compresi i rifugi sulle piste. Durante l’incontro pubblico a Colere e nella sede della Comunità Montana a Vilminore, Belingheri, originario di Colere, ha mostrato il nuovo l comprensorio della Presolana Nord, caratterizzato da un ottimo innevamento naturale (“Còler: ol nì ‘la néff”, come dicono gli scalvini) ed una stagione turistica più lunga di altre località vicine. Gli impianti di risalita attuali sono tutti in scadenza di esercizio e quindi la loro sostituzione è prevista dalla prossima primavera. Ma il vero obiettivo è quello di creare un luogo che venga frequentato per tutto l’anno, consentendo di salire in quota a tutti, dagli escursionisti agli amanti degli sport di montagna compresi i bikers. Saranno quindi eseguiti anche lavori di miglioramento delle piste e dei percorsi escursionistici, allargando il demanio sciabile con l’apertura a tutti gli sciatori della ormai storica “Pista Italia” che attualmente si utilizza solo per competizioni agonistiche nazionali.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare