Frana Tavernola, finito periodo di monitoraggio

Arriveranno da Regione Lombardia i finanziamenti necessari, pari 1,5 milione di euro, per la progettazione relativa alla messa in sicurezza del Monte Saresano nel Comune di Tavernola Bergamasca. Fondi regionali che verranno successivamente appaltati dall’Autorità di Bacino del Lago d’Iseo.

Gli interventi di mitigazione del rischio consisteranno fondamentalmente in una serie di tiranti attestati nel terreno a una profondità tale da superare la superficie di scivolamento ed in superficie, saranno raccordati tra di loro da una trave di collegamento. Questo intervento verrà ripetuto su quattro differenti livelli del versante su cui si sviluppa la frana.

Lo stanziamento dei fondi necessari per la progettazione per la messa in sicurezza del versante rappresenta un risultato che si aggiunge agli altrettanti interventi introdotti dall’istituzione regionale fin dall’inizio dell’emergenza. Regione Lombardia ha infatti messo a disposizione ingenti risorse finanziarie. Quelle necessarie per affrontare le prima attività di prevenzione con una cifra totale pari a 585.000 euro. Di cui 100.000 euro per le attività di monitoraggio e l’acquisto di strumentazioni per l’emergenza, 50.000 euro alle Comunità Montane dei laghi bergamaschi e del Bresciano per l’aggiornamento dei piani d’emergenza. Oltre a 250.000 euro per il potenziamento delle difese dalla caduta massi. E a 100.000 euro per la sistemazione della strada di collegamento per Parzanica. Inoltre, da Regione messi a disposizione 15.000 euro per lo studio sugli effetti dell’eventuale onda di piena

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché