agricoltura

Fondi giovani agricoltori:11,5 milioni per nuove imprese agricole

La Regione Lombardia nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 ha pubblicato il bando relativo agli incentivi per la costituzione di nuove aziende agricole da parte di giovani agricoltori (18-40 anni). L’iniziativa ha l’obiettivo di favorire l’accesso di giovani agricoltori qualificati nel settore agricolo e il ricambio generazionale, tramite la concessione di un premio per il primo insediamento in qualità di titolare o legale rappresentante di un’impresa agricola.

“Tra il 2015 e il 2017 – ha spiegato l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia – abbiamo già dato 19 milioni di euro per 738 progetti. Ora mettiamo a disposizione altri 11,5 milioni. Crediamo che l’agricoltura sia il settore chiave del futuro, soprattutto in Lombardia, e vogliamo avvicinare i giovani a questo mondo. Agevolarli sotto il profilo economico è uno dei modi più concreti ed efficaci. La Lombardia è la prima regione agricola d’Italia. Siamo orgogliosi di questo primato e intendiamo promuoverlo nelle giovani generazioni”.

Le domande possono essere presentate dal 13 giugno 2018 al 30 aprile 2019 in quattro diversi periodi di riferimento. Potranno accedere al fondo i giovani agricoltori che si insediano per la prima volta in una azienda agricola in qualità di titolare di una impresa agricola individuale o il legale rappresentante di una società agricola di persone, di capitali o cooperativa.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché