vandlai treno.jpg

Fermati 6 giovani vandali dei treni

Un gruppo di ragazzi di età compresa tra i 16 e i 35 anni sul treno regionale Milano-Bergamo, probabilmente in stato di alterazione psico-fisica, ha aggredito il capotreno. Si tratta di quattro italiani, un marocchino ed un rumeno, tre uomini e tre donne, diretti a Bergamo.

Lungo il tragitto si sono resi protagonisti di alcuni atti vandalici e di condotte moleste al punto tale da far intervenire il capotreno, oltre che di un vigilante in quel momento libero dal servizio. Il capotreno è stato addirittura aggredito fisicamente da un ragazzo ed una ragazza, motivo per il quale per i due è seguita anche una denuncia a piede libero per violenza e lesioni personali ad incaricato di pubblico servizio. Intervenuti alla stazione ferroviaria, i carabinieri hanno rintracciato e preso in consegna i sei giovani, quasi tutti già noti alle forze dell’ordine e senza una fissa dimora, accompagnandoli così in caserma a Treviglio per le operazioni di identificazione. Per tutti è scattato il deferimento in stato di libertà alla Magistratura bergamasca per concorso di persone in interruzione di pubblico servizio. Per l’unica minorenne, una rumena 16enne, è stato contestato il reato di furto aggravato, in quanto si era appropriata di un martelletto frangi vetro, poi recuperato dai carabinieri e restituito al capotreno.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare