STATI

Fai la tua proposta per far vivere la montagna

Tra il 20 maggio e l’1 luglio avranno luogo gli Stati generali della montagna, un fitto programma di eventi e iniziative che comprendono workshop, laboratori di approfondimento, tavole rotonde ed eventi di promozione del territorio, organizzati dalla Provincia di Bergamo, in collaborazione con le 5 comunità montane, il CAI e il Comune di Bergamo.

Obiettivo ultimo del percorso di studi e approfondimenti è la costruzione di un’agenda strategica sulla montagna all’interno della quale si delineeranno in modo condiviso le priorità strategiche dei diversi territori montani con l’individuazione di progetti e iniziative di rete su cui far convergere risorse e azioni di sistema.

Cittadini coinvolti

I tre incontri  programmati tra il mese di giugno e luglio saranno solo il primo passo di Provincia, CAI, Comunità Montane, per mettere in campo le azioni di rilancio delle Valli e della montagna bergamasca.

  Le osservazioni raccolte ed elaborate nel corso dei laboratori, delle tavole rotonde e nei seminari di studio potranno infatti essere portate ai tavoli del progetto di Regione Lombardia Montagna Futuro, e raccolte all’interno di un documento strategico sulla montagna che verrà redatto dalla Provincia di Bergamo, Comunità Montane e l’Unione bergamasca del Club Alpino Italiano

Anche i nostri lettori possono essere protagonisti; è possibile «partecipare» all’evento, attraverso il sito montagneepaesi.com, grazie ad un apposito form da compilare online, si potrà inoltrare la propria idea o punto di vista, se valido, anche questo sarà portato sui tavoli del progetto regionale Montagna Futuro a settembre.

Fai la tua proposta per far vivere la montagna. Nella Home Page a destra troverai un banner che richiama l’appuntamento con gli Stati Generali della Montagna.

Entra nello spazio dove ti verranno richiesti alcuni dati personali e la proposta che vuoi fare in favore della montagna. La tua idea verrà discussa  nel corso dei lavori degli Stati Generali e,se ritenuta idonea portata sui tavoli del progetto regionale Montagna Futuro

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli