estorsione luci rosse.jpg

Estorsione a luci rosse

Un poliziotto della Polizia locale della Val Sabbia, in borghese, ha trovato una donna di mezza età che camminava completamente nuda in un parcheggio. Nel momento in cui le si è avvicinato chiedendole di coprirsi, lei è sembrata confusa e ha parlato di una presunta prova d’amore nei confronti di un uomo virtuale.

Tuttavia, la Polizia municipale ha voluto indagare scoprendo che quel profilo web non era di un uomo, ma di una donna che conosceva la propria vittima e telefonava ogni volta. E in ogni conversazione le diceva di avere alcune sue immagini compromettenti e che le avrebbe pubblicate online. Si trattava di un vero e proprio ricatto in cambio di soldi, anche se di importo ridotto visto che conosceva la condizione economica della vittima. All’ennesima richiesta, la valsabbina ha concordato con gli agenti lo scambio di denaro. E al momento della consegna sul posto c’erano anche i poliziotti in borghese che avevano fotocopiato il denaro trovato in mano alla ricattatrice. La donna è stata quindi fermata, le è stato sequestrato il cellulare ed è stata quindi arrestata per estorsione. Il giudice ha convalidato il fermo disponendo una prossima udienza del processo.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Arte medievale nelle Alpi

La Società Storica e Antropologica di Valle Camonica organizza il X convegno I.S.T.A. (Incontri per lo Studio dei Territori Alpini) dal titolo “Arte medievale nelle

Uccisa a colpi di martello

Ancora violenza ai danni di una donna bresciana uccisa a martellate. Enzo Galesi 59enne tempo fa aveva avuto una relazione con Elena Casanova di 41