Palazzina Rescaldina

Esplosione con feriti e Rescaldina

Un’ala di una palazzina è esplosa per una fuga di gas senza provocare vittime a Rescaldina. Dalle macerie sono stati estratti gli abitanti, alcuni feriti gravemente, ma tutti vivi, anche se per due di essi, marito e moglie ricoverati all’ospedale Niguarda di Milano, con gravi ustioni (Foto: Ansa Lombardia).

La deflagrazione, avvenuta alle 7.38 di sabato 31 marzo e ripresa da una telecamera di videosorveglianza, ha colto i residenti nel sonno. Un boato che ha svegliato tutti con un’onda d’urto che ha fatto tremare le case vicine. A rimanere sotto le macerie sono state cinque persone, oltre ad altre quattro che sono scappate da sole con appena qualche graffio. Uscendo dalla porta di casa hanno trovato il vuoto: le scale e il pianerottolo si erano schiantati a terra. Il caseggiato è un condominio di 12 unità abitative disposte su tre piani, con alcuni appartamenti vuoti e 27 residenti in tutto. Il cedimento ha riguardato un intero blocco, con l’esplosione che, avvenuta al piano terra, ha fatto accartocciare su se stessi i due piani sovrastanti.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare