nutrie big bete 2

Emergenza nutrie, intervengono gli esploratori americani

E’ emergenza nutrie nella Bassa bresciana, zona in cui il carattere idrogeologico del terreno ne permette la proliferazione e la riproduzione. 

A lanciare l’allarme sono alcuni sindaci dei comuni limitrofi e gli agricoltori, che lamentano ingenti danni economici ai raccolti. Oltre a danneggiare le colture i roditori scavano fosse e tane, rendendo il terreno sdrucciolevole e a rischio crollo, soprattutto agli argini delle strade, dove il passaggio di trattori con rimorchio potrebbe far franare le strade indebolite dagli animali.

Il problema è stato accolto dalle amministrazioni comunali interessate, che ne hanno riconosciuto l’urgenza e sono ora alla ricerca di una soluzione per arginare la complicazione: è stato avviato un progetto pilota su base di una ricerca sperimentale con cacciatori e ricercatori americani. Il sistema, già adottato con successo negli Stati Uniti e in Inghilterra, verrà discusso il prossimo lunedì a Quinzano, avrà un costo di 100mila euro e partirà il prossimo ottobre fino al mese di aprile dell’anno seguente.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in