esplosione gas.jpg

E’ morto l’anziano di Valtorta ustionato in casa il 6 gennaio

Erano circa le 14 quando la quiete di Valtorta era stata sconvolta da un botto improvviso proveniente dalla casa di Andrea Regazzoni, in località Grasso, un nucleo di case a monte del centro paese.

La deflagrazione, che aveva scosso la piccola comunità della contrada, era avvenuta poco dopo le 14.00 del 6 gennaio: Dentro all’abitazione, al pianterreno, c’era l’ottantenne, immediatamente soccorso dai vicini che lo avevano trascinato all’esterno della cucina. La ricostruzione più probabile è che il pensionato avesse poco prima provveduto a cambiare la bombola del gas per il fornello della cucina; forse l’operazione non era stata precisa, perché la fuoriuscita di gas che aveva saturato l’ambiente della cucina, dove era in funzione anche una stufa a legna, ha fatto l’effetto di una bomba. Nell’esplosione l’anziano aveva riportato gravi ustioni: era stato trasportato dapprima all’ospedale «Papa Giovanni XXIII» di Bergamo e successivamente trasferito al Centro grandi ustionati di Verona. Nei giorni scorsi sembrava essersi ripreso; ma giovedì 23 le sue condizioni si sono aggravate fino all’epilogo finale. Non aveva una famiglia propria: lascia fratelli e sorelle.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

L’Ospedale a Bergamo è pronto

L’Ospedale realizzato dall’Associazione Nazionale Alpini all’interno dei padiglioni della Fiera di Bergamo è pronto. Partito come idea di struttura campale d’emergenza, sulla base della nostra