Soffiantini

E’ morto Giuseppe Soffiantini che fu sequestrato per 237 giorni

E’ morto l’imprenditore bresciano Giuseppe Soffiantini. Aveva compiuto 83 anni lo scorso sei marzo. La sua storia personale è legata al sequestro per ben 237 giorni, dal 17 giugno 1997 al 9 febbraio 1998.

Soffiantini nel 1997 fu vittima di un sequestro quando rimase nelle mani dei rapitori dal 17 giugno 1997 al 9 febbraio 1998, per 237 giorni. Il 17 giugno, giorno del suo rapimento, Soffiantini aveva 52 anni quando venne sequestrato nella sua casa di Manerbio. I sequestratori entrano in azione dopo l’ora di cena e legano la moglie, Adele Mosconi, chiudendola in una locale interrato. La donna solo dopo diverse ore riuscirà a dare l’allarme. I rapitori si fanno vivi il 19 giugno con una richiesta di 20 miliardi di lire di riscatto. Gli inquirenti seguono la pista di una banda di sequestratori sardi e il 21 giugno il ritrovamento di una Fiat Croma rubata, e utilizzata per il sequestro, fa sperare la famiglia. Ma le indagini per alcune settimane non portano a nulla. Il 19 ottobre viene arrestato uno dei componenti della banda, Agostino Mastio, che decide di collaborare e sarà lui stesso a consegnare il giorno seguente ai Nocs Mario Moro, considerato il capobanda che resta gravemente ferito nella cattura, e due suoi complici. Il 19 novembre arriva ai familiari di Soffiantini una lettera con un ultimatum di 20 giorni per pagare e un lembo di orecchio sinistro. La famiglia sembra cedere, Carlo Soffiantini, figlio di Giuseppe, lancia diversi appelli ai rapitori per trattare. Il 5 febbraio Roberto Spanò, Giudice per le indagini preliminari di Brescia, autorizza il pagamento di 5 miliardi, per permettere l’individuazione e la cattura dei rapitori. Il 9 febbraio, alle nove di sera, dopo 237 giorni di prigionia, Giuseppe Soffiantini telefona alla moglie da Impruneta, vicino a Firenze: «Sono libero, venitemi a prendere». Il 22 febbraio 2002 è la Cassazione a rendere definitiva la condanna a 25 anni di reclusione per Osvaldo Broccoli e Giorgio Sergio, e quella all’ergastolo per Attilio Cubeddu (latitante). In carcere anche Giovanni Farina, inizialmente accusato della morte di Donatoni ma poi assolto.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Lunghe code sulla Statale 42

Problemi al traffico anche questa mattina nel tratto tra Luzzana e Borgo di Terzo dove si sono registrate lunghe code. Il traffico molto sostenuto è