CC granate Ceto.jpg

Due granate Nato da cannone sul tetto di casa

Nella mattinata di martedì 3 settembre i Carabinieri della Compagnia di Breno e della Stazione di Capo di Ponte sono stati impegnati a Ceto per il recupero di due granate d’artiglieria, che un 56enne operaio del luogo aveva posizionato a scopo ornamentale sulla tetto della propria abitazione.

I militari, nel corso di un servizio perlustrativo, avevano notato la presenza dei due ordigni, lunghi circa settanta centimetri, che erano poggiati sulle tegole. A quel punto hanno deciso di effettuare un controllo chiedendo notizie al padrone di casa che ha riferito di non sapere se i due ordigni fossero carichi o meno e soprattutto non è stato in grado di riferire da chi li avesse ricevuti. Sul posto è stato richiesto un intervento urgente da parte degli artificieri del Genio Guastatori dell’Esercito di Cremona che, a seguito di verifica, hanno accertato che si trattava effettivamente di due granate d’artiglieria Nato, prodotte in Inghilterra negli anni settanta, che venivano utilizzate dalle truppe militari per le esercitazioni con i cannoni. Per fortuna, dopo diverse ore di lavoro, è stato appurato che le due grosse munizioni erano inerti poiché era stata disinnescata la spoletta.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”