Carabinieri 21 640x360

Droga da Montichiari per il Sebino e la Vallecamonica

I Carabinieri del comando di Breno con i colleghi di Clusone hanno arrestato due pregiudicati residenti a Montichiari, di 44 e 40 anni ritenuti gli intermediari dello spaccio di droga tra l’alto Sebino, Darfo Boario Terme e la valle di Scalve.

Due portavano ai pusher locali le dosi di cocaina, hashish e marijuana e poi se ne tornavano nella bassa bresciana. I loro movimenti però non erano passiti inosservati e avevano insospettito i Carabinieri che li hanno pedinati e arrestati. I due pregiudicati e noti alle forze dell’ordine si ricevano ripetutamente nella zona fra Lovere, Costa Volpino, Rogno, Darfo Boario Terme, Vilminore e Schilpario e questo aveva insospettire i militari dell’arma e, per diversi giorni i Carabinieri delle stazioni di Lovere, Costa Volpino, Artogne, Darfo e Vilminore si sono dati il cambio per seguire gli spostamenti dei due pregiudicati e spacciatori che partivano da casa loro a Montichiari con carichi di droga che consegnavano ai loro clienti, che a loro volta la smerciavano sulle piazze locali. Dopo aver documentato le attività i militari hanno arrestato in flagranza di reato i due corrieri. La droga era occultata in un garage di Montichiari, distante dalle abitazioni dei due arrestati. I militari hanno trovato così un chilogrammo di cocaina, tre chilogrammi di hashish e circa 350 grammi di marijuana, oltre agli immancabili bilancini di precisione e ad una macchina per conservare la droga sottovuoto. Nell’abitazione di uno dei due fermati sono stati sequestrati anche 3.000 euro. Il valore della droga sequestrata si aggirerebbe sui 100.000 euro. I due pregiudicati sono stati così arrestati e portati in carcere a Brescia e il GIP ha confermato l’arresto e applicato nei loro confronti la misura della custodia cautelare in carcere.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare