Domenica 18 si elegge il nuovo Presidente della Provincia di BG. Sempre valida la nostra proposta per un riordino dello Stato

Pochi lo sanno ma domenica 18 si elegge il nuovo presidente della Provincia di Bergamo.. Quello che una volta era un Ente di primo livello, con la pasticciata riforma non solo ha rischiato di scomparire del tutto ma è scesa di un livello e il giudizio del privato cittadino non conta nulla perchè decidono i delegati delle amministrazioni comunali. Una cosa tra partiti, insomma che anche questa volta hanno fatto a gara per rendere pubblici i repentini voltafaccia. Ci sono stati accordi trasversali tutti all’insegna dell’assalto alle nomine nelle importanti società bergamasche. Si continua a mantenere una struttura dello Stato obsoleta e non funzionale e si continua a privare il singolo cittadino dei poteri di rappresentanza. Prima è toccato ai consigli comunali ridurre il numero dei rappresentanti, con un risparmio di poche decine di euro, poi alle province  con l’elezione del solo Presidente che successivamente delegherà qualche consigliere attribuendogli le competenze.    E’ venuto meno il voto di preferenza che mantiene il politico a contatto con il suo territorio. Da parte nostra abbiamo più volte indicato una struttura operativa organizzata per dare sviluppo al Paese sottraendolo alla fame dei burocrati. Ve lo indichiamo nuovamente

  1. Costituzione della macro regioni: Nord, Centro, Sud anche con un accordo di solidarietà
  2. costituzione delle città metropolitane che porterebbe alla cancellazione automatica di 11 province
  3. aggregazione e riorganizzazione del territorio realizzando Province di almeno 1 milione di abitanti
  4. metodo di votazione strettamente proporzionale pur con sbarramento piuttosto elevato
  5. reintroduzione della preferenza
  6. abolizione degli Enti intermedi come Comunità Montane, Consorzi e altro

Solo in questo modo si otterrà un vero risparmio economico e si tornerà ad attribuire al singolo cittadino il potere di decidere per conto proprio.

Ma rimaniamo con i piedi per terra e smettiamola di sognare. La Provincia di Bergamo ha deciso di accogliere la richiesta pervenuta circa la modifica dell’orario di apertura dei seggi per le elezioni provinciali del 18 dicembre 2021, con la finalità di consentire la massima partecipazione alle votazioni.
Le votazioni si svolgeranno quindi dalle ore 8 alle ore 22 (anziché alle ore 20) nella sede della Cittadella dello Sport a Bergamo, via Monte Gleno, 2; è stata inoltre istituita una sottosezione speciale per la raccolta del voto degli elettori ricoverati in ospedale o ammessi a votare a domicilio e di tutti coloro che si trovano in condizione di quarantena o isolamento fiduciario causa Covid.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli