diplomati in pista monza

Diplomati in pista, biglietti gratis per i “maturi”

Regione Lombardia, in collaborazione con l’Autodromo di Monza, ha organizzato l’iniziativa “Diplomati in pista”, rivolta agli studenti che hanno recentemente sostenuto l’esame di maturità e si sono diplomati presso un istituto scolastico lombardo.

La Regione mette a disposizione dei diplomati lombardi 2018 n. 600 biglietti del valore di EUR 50,00 cadauno (n. 2 per ciascun diplomato), per le prove del Gran Premio di Monza 2018, che si terranno venerdì 31 agosto nel circuito monzese, a partire dalle ore 7.00.
Per richiedere il biglietto è necessario:

– essersi diplomati nel 2018 presso un istituto lombardo;

– aver letto l’informativa completa relativamente al trattamento dei dati (consultabile sul sito www.anci.lombardia.it [1] / Sezione Circolari, in allegato alla presente);

– compilare in autocertificazione il form on line (attivo dalle ore 12.00 del 6 agosto 2018 alle ore 12.00 del 21 agosto 2018), consultabile sull’home page del sito www.regione.lombardia.it [2].

Si precisa che:

– ogni diplomato ha diritto a n. 2 biglietti (uno per sé e uno per un accompagnatore);

– i biglietti verranno assegnati prioritariamente sulla base del voto di diploma e, a parità di voto, secondo l’ordine di arrivo della richiesta;

– non verranno accolte le richieste pervenute oltre il giorno e l’ora indicati.

I diplomati e gli accompagnatori che si saranno aggiudicati i biglietti riceveranno una mail (al loro indirizzo mail indicato nel form di partecipazione), con allegato il biglietto contenente l’anagrafica richiesta in form.
La stampa del biglietto in pdf è a carico dell’utente e andrà presentata all’Autodromo di Monza il giorno delle prove, insieme a un documento di identità valido.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare