destinazione russia

“Destinazione Russia”, a Gandino incontro con Confindustria

Importante incontro lunedì 11 marzo alle 20.45 nell’Auditorium della Biblioteca Comunale di Gandino, dove è in programma la serata dal titolo “Destinazione Russia”, organizzata dall’Amministrazione Comunale e da Confindustria Russia, con la collaborazione di Confindustria Bergamo. Relatore della serata sarà John Motta, gandinese d’origine e vicepresidente di Confindustria Russia. Vive in Russia da cinque anni e proporrà un’introduzione complessiva alle opportunità del mercato russo per le aziende, piccole e grandi, delle nostre Valli. “L’idea – sottolinea Filippo Servalli, vicesindaco di Gandino – è proporre suggerimenti utili per avviare relazioni commerciali con un mercato di indubbio rilievo, forti di un appoggio istituzionale in loco e di canali operativi di evidente interesse”.

A sottolineare, e indirettamente completare la cornice dell’importante appuntamento, va ricordata la mostra “Iconae Mariae” allestita al Museo della Basilica di Gandino e dedicata alla icone ortodosse. In questi mesi ha attirato migliaia di visitatori, al punto che l’apertura è stata prorogata sino al 7 aprile. In occasione della serata dell’11 marzo è stata programmata un’apertura straordinaria dalle 19 alle 20.

La Pro Loco Gandino ha inoltre organizzato, dal 3 al 10 aprile 2019, una nuova trasferta turistica a Mosca e San Pietroburgo, che segue quella molto partecipata ed apprezzata dello scorso autunno. Le iscrizioni sono aperte entro il 17 marzo 2019 (tel. 338.2438613) oppure presso la sede Pro Loco di Gandino in via XX Settembre ogni sabato dalle 10 alle 12. Lunedì 25 marzo alle 20.30 si terrà un incontro di presentazione in Biblioteca.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare